Yiwu-Londra in treno merci, un nuovo link post Brexit

A
A
A
di Federico Morgantini 4 Gennaio 2017 | 10:44

Il 1° Gennaio è partito da Yiwu, Zhejiang – China, il primo treno merci che in 18 giorni arriverà a Londra.

Yiwu è la più grande città-mercato e fiera permanente per acquisti all’ingrosso della Cina [e del mondo], luogo di approvvigionamento per migliaia di medio e piccole aziende europee che fnno ordini importanti, ma non così grandi da poter dialogare direttamente con i produttori cinesi che prendono in considerazione solo commesse da milioni di pezzi.

Però la città non è sul mare e i due porti utilizzabili sono Ningbo a 190 Km o Shanghai a 280 Km su gomma, poi le navi impiegano almeno un mese e mezzo, in alcuni casi anche due mesi, per raggiungere Rotterdam e da qui con navi più piccole o su gomma si arriva a Londra.china-goods-train-Yiwu-London

Con tale logistica, i 18 giorni del treno sono molto competitivi.

Il convoglio [caricato con container da 20 e 40 piedi, anche con formula groupage] percorrerà oltre 12.000 chilometri per raggiungere la Gran Bretagna, passando attraverso Kazakistan, Russia, Bielorussia, Polonia, Germania, Belgio, Francia e quindi arrivare a Londra.

Prima David Cameron e adesso Theresa May hanno sempre spinto per far diventare Londra la città di ingresso dei capitali cinesi verso l’Europa, adesso lo è anche per le merci.

La Gran Bretagna confida molto nel rapporto preferenziale con la Cina una volta uscita all’Unione Europea.

Il Paese è da sempre destino preferito per gli studenti cinesi che studiano all’estero e per i nuovi ricchi che cercano vita e shopping di classe, tanto che nei grandi magazzini di Londra sono addirittura accettati pagamenti in RMB.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Brexit, continuano le incertezze nonostante l’accordo

Mirabaud AM: il 2021 potrebbe essere un anno brillante per le banche britanniche

La Brexit è fatta: che cosa attende ora gli investitori nel Regno Unito?

NEWSLETTER
Iscriviti
X