Piazza Affari reggerà, a condizione che lo spread…

A
A
A
di Raffaello Mascetti 8 Febbraio 2017 | 09:05

L’aumento dello spread è il tema del momento. Quanto può influire sui titolo di piazza Affari? Il sito www.trend-online.it ha rivolto questa e altre domande a Angelo Ciavarella, Head of business development per AFX Group, che, tutto sommato, lancia un messaggio rassicurante.

“L’Italia da tre anni è sotto quantitative easing”, ha detto Ciavarella, “ma non ne ha approfittato in alcun modo, visto che il debito è aumentato e in prospettive di un rialzo dei tassi, gli interessi sul fronte debitorio diventeranno decisamente più alti. C’è da dire che il nostro Paese ha un disavanzo positivo, ma è tale in quanto paghiamo gli interessi sul debito che al momento sono decisamente ridotti, ma quando Draghi finirà i bond italiani, chi li comprerà più?”

“L’incertezza politica”, secondo l’analista, “peserà principalmente sui bond italiani e di conseguenza anche su Piazza Affari visto che le banche sono piene di titoli di Stato.
Prima c’era il problema dei non performing loan che aveva tirato giù i titoli del settore bancario, mentre ora si parla meno di questo problema. La questione è che se i BTP scenderanno ancora, le banche perderanno valore perchè devono prezzare market to market i BTP. Guardando nel breve al Ftse Mib, non mi aspetto comunque grandi ribassi e mi sento di confermare i livelli già segnalati nell’ultima intervista, ossia l’area dei 18.200/18.000 come base che a mio avviso dovrebbe tenere. Prevedo movimenti in trading range a patto che lo spread BTP-Bund non peggiori ulteriormente”, ha concluso il suo ragionamento Ciavarella.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti, ecco perchè i Btp sono irresistibili

Bot People, la disfatta della superstar degli anni ’90

Investimenti, Btp e Bund: prospettive tra aumento dello spread e rendimenti in salita

NEWSLETTER
Iscriviti
X