Si torna a comprar casa, però in provincia

A
A
A
di Raffaello Mascetti 9 Febbraio 2017 | 08:00

Il mercato immobiliare italiano dà segni di ripresa sempre più incisivi, soprattutto nei piccoli centri. Nel terzo trimestre dell’anno scorso le compravendite sono aumentate del 19,9% su base tendenziale, arrivando a quota 172.301. Lo ha comunicato oggi l’Istat, precisando che fra gennaio e settembre 2016 l’incremento è stato del 19,8% rispetto allo stesso periodo del 2015.

Nel dettaglio, la crescita delle transazioni immobiliari nel terzo trimestre è stata pari al 17,7% per le unità ad uso abitativo e al 57,9% per i trasferimenti di immobili ad uso economico. Il 92,2% delle transazioni riguarda trasferimenti di proprietà di immobili ad uso abitativo ed accessori (158.798), il 7,4% quelli ad uso economico (12.710) e lo 0,5% quelli ad uso speciale e multiproprietà (793).

L’aumento delle compravendite per il complesso dei trasferimenti di unità immobiliari coinvolge tutte le aree del Paese. Valori sopra la media nazionale si registrano nel Nord-est (+29,3%) e nel Nord-ovest (+21,3%); più contenuti gli incrementi osservati nel Centro (+17,7%), nelle Isole (+12,8%) e al Sud (+12,0%).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Tasso fisso o variabile?

Costi di casa: le tariffe aumentate dopo l’emergenza Covid

Una casa di proprietà costa cara, in media 11.304 euro all’anno

NEWSLETTER
Iscriviti
X