Gli italiani hanno le mani bucate per vestiti, auto e cibo

A
A
A
di Redazione 13 Febbraio 2017 | 15:04

Secondo la ricerca Eurostat sui consumi delle famiglie per settore riferita al 2015, le spese in abbigliamento, cibo, locali e manutenzione dell’auto delle famiglie italiane sono in percentuale al di sopra rispetto alla media europea. Al di sotto ci sono quelle per l’abitazione, i trasporti, l’acquisto dell’auto, le comunicazioni e le assicurazioni.

Secondo quanto emerso dalla ricerca, l’Italia è seconda solo all’Estonia per spesa in abbigliamento (il 6,3% della spesa complessiva media della famiglia a fronte del 5% in Ue) e ai primi posti per le spese per il mantenimento dell’auto (7,5% contro il 6,5% in media Ue). L’Italia spende più della media anche per bar e ristoranti (il 7,6% contro il 6,8% in Ue, ma lontana dalla Spagna con il 14,6%) e per il cibo in generale (13,3% contro l’11,1% Ue), mentre è sotto la media per la spesa per l’abitazione. L’Italia spende su questo capitolo il 23,8% della spesa complessiva contro il 24,4% della media Ue (in Danimarca il 29,7%).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

La crescita rallenta, aziende diventano meno ottimiste

La politica non ne parla, ma il debito pubblico italiano continua a lievitare

Crescita Pil: l’Italia riduce il gap con Eurolandia nel terzo trimestre

NEWSLETTER
Iscriviti
X