Altro che manovra da 3,4 miliardi, i contratti sui derivati ce ne costano 39

A
A
A
di Lukas Frese 24 Febbraio 2017 | 07:18

Il Movimento 5 Stelle è scatenato sui contratti derivati stipulati dal Tesoro che stanno costando un patrimonio allo Stato. “Mentre la Commissione Ue crocifigge l’Italia per 3,4 miliardi di manovra correttiva i derivati del Tesoro”, scrive il blog di Beppe Grillo, “ci sono costati oltre 23 miliardi soltanto tra il 2011 e il 2015. E il buco potenziale si avvicina ai 39 miliardi, come confermato dallo stesso ministro Padoan. Ora è il momento di fare piena trasparenza sui contratti: questo salasso è inaccettabile e ha azzerato senza colpo ferire i benefici del Quantitative easing. I numeri snocciolati da Padoan in aula su swap e swaption sono al tempo stesso impressionanti e desolanti. Siamo di fronte a scommesse che non hanno nulla a che vedere con una tutela di stampo ‘assicurativo’ rispetto alle oscillazioni dei tassi”.

“Dopo l’early termination 
(risoluzione anticipata) dei derivati che ci è costata 3,1 miliardi a beneficio di Morgan Stanley nel 2012, , continua il Movimenti 5 Stelle, Padoan ha ammesso che lo Stato ne ha subita un’altra nel 2016 con un miliardo di esborso: esattamente i primi fondi che si dovrebbero stanziare per i terremotati. Il nostro portafoglio complessivo in swap è negativo per 4,2 miliardi l’anno scorso e l’esercizio di 4 swaption da parte delle banche ha generato esborsi per 2,5 miliardi netti. Altre due swaption ristrutturate nel 2015 ci sono costate quasi mezzo miliardo e due saranno esercitate a breve, ci ha spiegato Padoan, che non è stato poi molto chiaro circa l’impatto di altre due opzioni rinegoziate e ‘smontate’ nel 2016, che pare ci siano costate almeno un altro mezzo miliardo”.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X