Si comincia male. Il fisco già tenta di fare lo sgambetto ai PIR

A
A
A
di Lukas Frese 4 Aprile 2017 | 08:59

Si comincia male. I Pir (Piani Individuali di Risparmio) hanno avuto successo anche (se non sopratutto) per le agevolazioni fiscali. Ma quella iniziale stabilita per il 2017 potrebbe già saltare. Lo spiega Citiwire: “I proventi dei Pir non sono tassabili (e non scontano le imposte di successione) per tutti i cinque anni della propria durata, ma forse non si è sottolineato abbastanza che, per aver diritto all’agevolazione tributaria per ogni singolo anno fiscale, il fondo deve rispettare l’investimento previsto (di tipo Pir) per almeno due terzi dell’anno. I nuovi Piani Individuali di Risparmio venduti da maggio in poi potrebbero pertanto non beneficiare della detraibilità 2017, poichè “Pir” per un periodo inferiore al minimo obbligatorio”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

L’Agenzia delle Entrate riconosce il beneficio fiscale delle Pmi innovative quotate su Aim

Pir, la Camera suggerisce al Governo ulteriori modifiche

WM Capital diventa “Pmi innovativa” e “Pir Compliant”

NEWSLETTER
Iscriviti
X