La sapete quella dei napoletani e dei genovesi sul treno?

A
A
A
di Marco Barlassina 7 Aprile 2017 | 08:45

Tre genovesi e tre napoletani sono alla stazione. Al momento di comprare i biglietti, i genovesi naturalmente contrattano a lungo per ottenere uno sconto, ed alla fine, seppure a malincuore, comprano tre biglietti.

Il loro cattivo umore, però, passa in fretta, perchè si accorgono che i napoletani avevano comprato un solo biglietto per tutti e tre, e cominciano a mormorare tra di loro: “Guarda quei coglioni, si credono tanto furbi poi il controllore gli fa un mazzo cosi’!”.

Sul treno, poco dopo, i due gruppi viaggiano su sedili vicini, quando ad un certo punto uno dei napoletani sibila: “Occhio! Il controllore!”.

Di scatto, i napoletani corrono tutti e tre a barricarsi nel bagno, mentre i tre genovesi assistono perplessi alla scena.

Dopo aver esaminato i biglietti dei genovesi, il controllore passa davanti al bagno, e vedendo accesa la luce di occupato bussa ed esclama: “BIGLIETTO PREGO!”. I napoletani passano il biglietto da sotto la porta, il controllore lo vidima e lo restituisce alla stessa maniera, senza accorgersi che nel bagno sono in tre.

I genovesi, esterrefatti, mormorano :”che bel sistema per risparmiare! Il controllore c’ è cascato!”. Al viaggio di ritorno, i genovesi decidono: “Non saremo certo più stupidi dei napoletani: facciamo anche noi un solo biglietto e usiamo il loro stesso trucco”.

Così comprano un solo biglietto, mentre i napoletani, questa volta, non comprano nulla. I genovesi, vedendolo, scoppiano a ridere: “Esagerati! Adesso si’ che il controllore li becca!”.

Durante il viaggio di ritorno, ad un certo punto un genovese avverte: “IL CONTROLLORE!”. Subito, i genovesi si precipitano in un bagno, mentre i napoletani entrano in quello a fianco. Poi uno dei napoletani esce, bussa alla porta del bagno dei genovesi ed esclama: “BIGLIETTO PREGO!”

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

La differenza tra parsimonia e avarizia secondo Giampiero Casoni

Sette paradisi dove comanda ancora l’euro

NEWSLETTER
Iscriviti
X