Uber fa concorrenza sleale ai taxi. Bloccato il servizio in Italia

A
A
A
di Redazione 10 Aprile 2017 | 16:47

I taxisti alla fine mettono fuori gioco Uber. Il Tribunale di Roma ha infatti ordinato il blocco sul territorio nazionale di tutti i servizi offerti da Uber, parlando di concorrenza sleale. Il blocco riguarda i servizi offerti dal gruppo in Italia con la app Uber Black e le analoghe app Uber-Lux, Uber-Suv, Uber-X, Uber-XL, UberSelect, Uber-Van. L’azienda è pronta a fare ricorso. Nel dettaglio, ha fatto sapere: “Faremo appello contro questa decisione, basata su una legge vecchia di 25 anni e che non rispecchia più i tempi, per permettere a migliaia di autisti professionisti di continuare a lavorare grazie all’app di Uber e alle persone di avere maggiore scelta”. E ha aggiunto: “Ora il governo non può perdere altro tempo, ma deve decidere se rimanere ancorato al passato, tutelando rendite di posizione, o permettere agli italiani di beneficiare di nuove tecnologie come Uber”

Di contro, Ugl taxi, Federtaxi Cisal, Uil trasporti, Fit Cisl e associazione tutela legale taxi hanno così commentato: “Una nuova schiacciante vittoria su Uber”. Secondo il tribunale le norme che disciplinano il servizio pubblico di trasporto non di linea non limitano la produzione, gli sbocchi o lo sviluppo tecnico, a danno dei consumatori e non favoriscono posizioni di privilegio e monopolio, mentre gli autisti Uber svolgendo la loro attività in contrasto con la normativa si mettono in una posizione di indebito vantaggio rispetto ai tassisti.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Ora con i bitcoin si paga anche il taxi: accordo eTaxi-Future’s Value

Fisco e lavoro, ecco le novità del Milleproroghe

Sciopero taxi: perché tra Uber e i tassisti perde il consumatore

NEWSLETTER
Iscriviti
X