Da luglio la bolletta della luce sarà più salata

A
A
A
di Redazione 29 Giugno 2017 | 14:36

Brutte notizie per i consumatori: dal primo luglio la luce costerà il 2,8% in più. A deciderlo è stata l’Autorità per l’energia che lo ha comunicato in una nota diffusa il 28 giugno 2017. Ma se il rincaro della bolletta può rappresentare un problema per le famiglie e, per molte imprese, la soluzione arriva dalle ESCo (Energy Service Company) che investono in efficientamento energetico e relamping, ovvero la sostituzione delle lampade tradizionali con lampade di nuova tecnologia e più efficienti, come ad esempio i led).

“Un intervento di relamping può comportare risparmi sulla bolletta dal 40 al 60% e un risparmio manutentivo addirittura dell’80% a parità di luce emessa”, spiega Giorgio Pucci di Enerqos SpA, ESCo leader nelle soluzioni di efficientamento energetico. “Se le spese della bolletta aumentano, gli utenti possono chiedere l’aiuto delle ESCo: l’investimento iniziale viene sostenuto interamente da Enerqos, che si fa anche carico della gestione del nuovo impianto”, continua Pucci.

Il volume d’affari che il settore della riqualificazione energetica potrebbe generare in Italia è davvero ragguardevole: tra i nove e i 20 miliardi di euro l’anno per i prossimi 50 anni e 500mila nuovi posti di lavoro entro il 2020. Le stime rese note da Aicarr (Associazione Italiana Condizionamento dell’Aria Riscaldamento e Refrigerazione), che punta sulla riqualificazione energetica di oltre due miliardi di metri quadri, si affiancano allo studio elaborato da Cesef (Centro Studi sull’Economia e il Management dell’Efficienza Energetica), secondo il quale si possono risparmiare 740 miliardi di tonnellate di CO2: testimonianze lampanti di quanto questo settore sia strategico per lo sviluppo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X