Prestiti, per cosa ci si indebita? Meglio la macchina della vacanza

A
A
A
di Redazione 30 Giugno 2017 | 15:39

Secondo l’ultimo studio Crif – che per la prima volta dedica il suo focus al settore dei motori – quasi l’80% (per la precisione il 78,7%) di tutti i prestiti finalizzati richiesti dagli italiani nel 2016 sono serviti ad acquistare una automobile o una due ruote. E solo il 20% residuo per elettronica, arredamento, sanità, vacanze, spese mediche o per la casa, tempo libero.

La macchina quindi per gli italiani è irrinunciabile. Nel 2016 metà dello shopping di auto nuove è stato sostenuto da un finanziamento: il 47,2% del totale contro il 42% del 2015. D’altro canto, la quota del credito erogato per l’acquisto del nuovo ha toccato quota 80,3%, salendo addirittura al 91,9% per le “captive”, le finanziarie subordinate alle case automobilistiche (+26,2% sul 2015).

In generale, i prestiti si concentrano nella fascia di importo medio, tra 10 e 15 mila euro nel caso delle auto e tra 5 e 10 mila per le moto. Anche la durata del finanziamento varia a seconda della fonte: tra 37 e 48 mesi se il denaro è erogato dalle finanziarie della case automobilistiche, altrimenti si allunga tra 49 e 60 mesi negli altri casi. La maggior parte delle richieste arriva da classe di età medio-alta (45-54 anni): attorno al 26,9% del totale. Mentre quella inferiore (35-44 anni) viaggia attorno a quota 22,1%.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Richieste di credito dalle famiglie ancora in netto calo

Richieste di credito in crescita dalle imprese con la pandemia: +24,5% nel 2020

Il Covid frena i prestiti, nel 2020 -18% di richieste dalle famiglie italiane

NEWSLETTER
Iscriviti
X