Home restaurant, arriva l’assicurazione social per le cene condivise

A
A
A
di Redazione 4 Luglio 2017 | 11:54

Al via la partnership a tre che vede protagoniste Reale Mutua, la start up torinese, Axieme, e Gnammo, la principale piattaforma di social eating in Italia, ossia le cene a casa di sconosciuti, una sorta di Airbnb della ristorazione. Le tre realtà hanno studiato una soluzione assicurativa che copre sia la responsabilità civile sull’immobile dove avviene l’evento sia la somministrazione dei pasti da parte dei cuochi, offrendo così una garanzia per la sicurezza degli eventi di sharing economy in cucina.

La polizza sarà attivata automaticamente e gratuitamente per tutti gli iscritti che organizzano eventi di social eating tramite il portale. Gnammo conta oltre 220 mila utenti e punta, attraverso la copertura definita social, ad avere un nuovo livello di sicurezza. Axieme, uno dei primi esempi di insurtech in Italia, permette agli aderenti di assicurarsi in gruppo e fornisce un rimborso alla fine del periodo assicurato qualora siano avvenuti pochi o nessun sinistro all’interno del gruppo.

Axieme è infatti il primo servizio in Italia che permette alle persone di assicurarsi in gruppo e fornisce un cash-back alla fine del periodo assicurativo se sono avvenuti pochi o nessun sinistro all’interno del gruppo.

“Da sempre lavoriamo per la nostra community, anticipando i tempi. Lo abbiamo fatto in passato, con il nostro Codice Etico, condiviso e partecipato con gli utenti, che ha tracciato le linee guida nell’organizzazione e gestione degli eventi food casalinghi ancora prima che si pensasse ad una normativa a livello nazionale”, ha dichiarato Cristiano Rigon, CEO di Gnammo. “Lo facciamo oggi insieme ad Axieme e Reale Mutua con un servizio utile e concreto alla sharing economy: Gnammo è pronto ad essere stakeholder nello scenario economico ed istituzionale, per gettare le basi in questo settore che si sta consolidando con il tempo e con l’esperienza dei singoli protagonisti”.

Anche Edoardo Monaco, CEO di Axieme, condivide la soddisfazione per il risultato raggiunto sottolineando che “il modello assicurativo proposto è percepito in modo più innovativo, equo e social, in particolare dalle community per le quali stiamo diventando sempre più un punto di riferimento”.

“Reale Group ha ormai da tempo dedicato risorse al tema ‘innovazione’; i cambiamenti in atto sono così rapidi e significativi che pensiamo sia necessario riflettere oggi sul futuro anche a lungo termine, esplorando secondo una logica di co-progettazione nuovi modelli di business. Ecco la ragione di questa partnership: un primo esempio concreto di collaborazione innovativa tra diversi attori per dare risposta ad un nuovo tipo di bisogno”, ha concluso Matteo Cattaneo, Head of Innovation Reale Mutua.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X