Al via i nuovi voucher: ecco le regole per il lavoro occasionale

A
A
A
di Redazione 10 Luglio 2017 | 09:26

Addio ai vecchi voucher, da oggi debuttano il Libretto di famiglia, usato quando il datore di lavoro è una persona fisica, e il Contratto di prestazione occasione (Cpo), dedicato alle imprese e liberi professionisti che non hanno più di 5 dipendenti a tempo indeterminato in azienda.

Il primo passo per accedere a questa modalità di contratto di lavoro è registrarsi sul portale Inps alla voce prestazioni occasionali. Al lavoratore spetta decidere come ricevere il compenso: se, cioè, farsi accreditare sul conto corrente, su un libretto postale o su carta di credito. Ciascun lavoratore può incassare massimo 5mila euro l’anno e il limite è di 2mila e 500 euro per un solo datore di lavoro. Limiti anche temporali: in un anno non si può superare le 280 ore complessive. Per il Libretto di famiglia il compenso minimo stabilito è di 10 euro lordi all’ora, 8 netti.

Per il Cpo il compenso giornaliero non può essere inferiore a 36 euro netti, che è la retribuzione minima per 4 ore di lavoro. Questo vale anche se la prestazione ha una durata inferiore. Per le ore successive il compenso è di 9 euro l’ora, ai quali si devono aggiungere gli oneri a carico del datore di lavoro e un’addizionale dell’1% per gli oneri di gestione della prestazione e dell’erogazione del compenso. Il costo totale diventa quindi 12,29 euro.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

First Coincidence, un nuovo approccio al trading: dalla formazione alla carriera

Credem tra le prime 20 società italiane dove si lavora meglio

Diodovich (IG): “Più luci che ombre sul mondo del lavoro Usa”

NEWSLETTER
Iscriviti
X