In pensione a 67 anni o il sistema pensionistico rischia di saltare, l’allarme della Ragioneria dello Stato

A
A
A
di Redazione 9 Agosto 2017 | 08:22

“Interventi legislativi diretti non tanto a sopprimere esplicitamente gli adeguamenti automatici previsti dalla normativa vigente, ma a limitarli, differirli o dilazionarli, determinerebbero un sostanziale indebolimento della complessiva strumentazione del sistema pensionistico italiano volta a contrastare gli effetti dell’invecchiamento della popolazione”.

Modifiche agli scatti d’età metterebbero dunque a rischio le pensioni.
E’ questo l’allarme lanciato dalla Ragioneria generale dello Stato in un rapporto dal titolo “Le tendenze di medio-lungo periodo del sistema pensionistico e socio sanitario” presentato ieri.

Il requisito per il pensionamento di vecchiaia, anche in presenza di un blocco dell’adeguamento automatico alla speranza di vita, “verrebbe comunque adeguato a 67 anni nel 2021, in applicazione della specifica clausola di salvaguardia introdotta nell’ordinamento su specifica richiesta della Commissione e della Bce.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fondi pensione, pericoli in vista

Fineco, il fondo pensione dal tocco Esg

Gli italiani i più preoccupati in Europa per la pensione

NEWSLETTER
Iscriviti
X