Stop alle monetine da 1 e 2 centesimi. Anzi no…

A
A
A
di Redazione 28 Agosto 2017 | 20:00

Il governo è costretto a un brusco dietrofront sulla legge che permetteva la scomparsa delle fastidiose monetine da 1 e 2 centesimi di euro. Si perché il centesimo di euro – come quello del dollaro – rappresenta l’unità della moneta europea, e farlo sparire non è così semplice. E solo la Ue può decidere sulla loro circolazione e il governo è costretto al dietrofront. Tra l’altro pure la Banca centrale europea l’ha scritto in due pareri spediti a Belgio e Finlandia che avevano già approvato norme simili a quella italiana.

Ricordiamo che la sospensione del conio delle monetine di rame di taglio inferiore a quello di 5 centesimi era una delle proposte del decreto legge di correzione dei conti pubblici, la cosiddetta “manovrina”. Ma ora nella legge Finanziaria ci sarà una norma per fare marcia indietro. Insomma, l’Italia non smetterà di coniare le monete da uno e due centesimi.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mps, 4mila esuberi per restare in piedi

Investimenti: tranquilli, nessun aumento a breve dei tassi per la Bce

Asset allocation, Eurozona: Btp un toccasana

NEWSLETTER
Iscriviti
X