Oxy Capital e Credito Fondiario mettono in sicurezza Manuli Stretch

A
A
A
di Luca Spoldi 28 Settembre 2018 | 11:17

Oxy e Credito Fondiario mettono in sicurezza Manuli

Oxy Capital Italia (società fondata e guidata da Stefano Visalli) e Credito Fondiario hanno completato lo scorso 24 settembre 2018 l’operazione di messa in sicurezza propedeutica al rilancio del gruppo Manuli Stretch ridenominato dalla data del closing gruppo M Stretch, leader mondiale nella produzione di imballaggi flessibili in polietilene per uso industriale con un fatturato consolidato pari a circa 280 milioni di euro e un Ebitda di 9,0 milioni.

Ristrutturato debito gruppo M Stretch

Il gruppo M Stretch conta 4 stabilimenti in Germania, Brasile e Argentina e una capillare rete distributiva sul territorio europeo con sette filiali operative (Regno Unito, Russia, Polonia, Ungheria, Ucraina, Ungheria e Romania). L’operazione, promossa e gestita da Oxy Capital, ha permesso la ristrutturazione di circa 55 milioni di debiti bancari e ha consentito l’erogazione di un finanziamento super senior da parte di Credito Fondiario per 12 milioni, con l’obiettivo di supportare il gruppo con nuove risorse per la realizzazione del piano industriale.

Controllo gruppo M Stretch a Oxy Capital

Il gruppo M Stretch passa ora sotto il controllo diretto di Oxy Capital (80% del capitale sociale) che ha definito, col supporto degli advisor industriali della società, un piano di crescita centrato sulla ridefinizione dell’assetto produttivo e distributivo al fine di incrementare le vendite di prodotti ad alte prestazioni e migliorare l’efficienza produttiva degli stabilimenti esistenti. La famiglia che fa capo a Sandro Manuli cede così la gestione del gruppo ad Oxy per concentrarsi su altre attività, pur mantenendo una quota di minoranza (20%) e una compartecipazione all’esito dell’operazione.

Anche Intesa Sanpaolo ha supportato ristrutturazione

Oxy Capital Italia aggiunge così una quarta partecipazione al suo portafoglio, dopo Ferroli, Olio Dante e Stefanel, con oltre 400 milioni di crediti bancari in gestione. Oxy è una investment company specializzata nella riconversione industriale di medie aziende italiane e nella gestione di crediti poco performanti (cosidetti Utp, “unlikely to pay”) in capo al sistema bancario. Da parte sua il Credito Fondiario, con oltre 45 miliardi di crediti in gestione e un portafoglio di investimenti in crediti pari a circa 700 milioni, si conferma operatore leader in Italia nel settore dei crediti deteriorati. Intesa Sanpaolo, principale creditore e da sempre a fianco del gruppo Manuli, ha partecipato attivamente al processo di ristrutturazione supportandone il rilancio e mantenendo una partecipazione importante nell’operazione.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banche, la mappa dei crediti deteriorati

Npl, le banche accelerano la vendita: nel 2021 transazioni per 40 miliardi

Crediti deteriorati, la bomba a orologeria del sistema bancario

NEWSLETTER
Iscriviti
X