Energia elettrica, scoprite quale tariffa vi conviene

A
A
A
di Luca Spoldi 19 Febbraio 2020 | 17:27

Energia: conviene la tariffa bioraria?

E’ una delle domande ricorrenti per ogni titolare di bolletta elettrica: la tariffa bioraria, ossia quella che permette di pagare un prezzo più basso in determinate fasce orarie e giorni della settimana conviene e a chi? Prima di rispondere occorre ricordare come le fasce orarie siano state definite dall’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (Arera) e siano 3: F1, F2 e F3 anche se solitamente ci si riferisce a due fasce, la F1 (dalle 8:00 di mattina alle 19:00 dal lunedì al venerdì, festività nazionali escluse) e la F23 (dalle 19:00 alle 8:00 di tutti i giorni, compresi sabato, domenica e i giorni festivi), da cui il termine tariffa “bioraria”.

Da che dipende la differenza di prezzo

Fino a pochi anni fa esisteva un notevole divario tra il prezzo dell’energia nella fascia F1 e quello nella fascia F23. Ciò accadeva perché durante il giorno fabbriche e attività commerciali sono in funzione e c’è maggiore domanda di energia, quindi il prezzo è più elevato perché entrano in funzione anche gli impianti di produzione più costosi. Di sera e di notte invece la domanda cala e così il costo per produrre energia (gli impianti più costosi non sono in funzione) e quindi il prezzo dell’energia si riduce.

Il divario si è molto ridotto in questi anni

Negli ultimi anni tuttavia il differenziale di prezzo tra giorno e sera/notte (F1-F23) si è ridotto di molto, principalmente grazie all’utilizzo, a costi di produzione decrescenti, di energie rinnovabili (fotovoltaico ed idroelettrico in testa), che di giorno hanno iniziato a produrre energia aumentando l’offerta e facendo quindi calare il prezzo del mercato all’ingrosso, mentre contestualmente le centrale elettriche “tradizionali”, avendo diminuito la produzione diurna hanno iniziato a far pagare di più l’energia prodotta di notte, riducendo ulteriormente il divario di prezzi.

La bioraria conviene se di giorno siete fuori casa

Morale della favola: se i vostri consumi elettrici si concentrano la sera e nei weekend allora una tariffa bioraria (F1 e F23) ha ancora senso; se invece consumate energia tutta la settimana ed anche durante il giorno, risulterà più conveniente una tariffa monoraria (F0). Ultima notazione: se siete ancora clienti del Servizio Elettrico Nazionale (ossia il mercato tutelato) la differenza è comunque irrisoria; viceversa se siete clienti di un gestore del mercato libero, la differenza può essere anche molto consistente. Per verificare come si distribuiscono i vostri consumi potete verificare le diverse voci in bolletta, o direttamente la distinzione nelle tre fasce (A1, A2, A3) attraverso il contatore elettronico premendo in sequenza il tasto display come se voleste fare una autolettura.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X