Turismo: col virus Milano perde 4 milioni al giorno

A
A
A
di Luca Spoldi 5 Marzo 2020 | 10:42

Alberghi, coronavirus fa crollare prenotazioni

Si fa presto a dire “impatto” da coronavirus, ma quanto stanno perdendo in questi giorni gli imprenditori attivi nel settore del turismo e dei consumi fuori casa in Italia? Un’idea ce la offre FederAlberghi, secondo cui la situazione si è rapidamente fatta “drammatica”, basti pensare che solo a Milano nelle ultime settimane gli alberghi hanno visto cancellazioni fino al 90%, con tassi di occupazione delle stanze che non superano il 5%-10%.

Rinvio fiere mette a rischio strutture familiari

Lo scorso anno, grazie in particolare al turismo d’affari, il tasso d’occupazione viaggiava attorno all’80%, ora lo slittamento di importanti fiere come il Salone del Mobile (rinviato, come a Verona il Vinitaly, a giugno) rende impossibile ipotizzare un recupero se non tra diverse settimane/alcuni mesi. La situazione appare particolarmente delicata perché il mercato italiano è ancora largamente composto da strutture ricettive a conduzione familiare (le grandi catene internazionali rappresentano il 10%-15% dell’offerta), particolarmente esposte al rischio di mancanza di liquidità.

Solo a Milano turismo perde fino a 4 milioni al giorno

Il rischio è che molte strutture non riuscendo più a coprire i costi del personale e dei fornitori decidano di chiudere e sospendere il pagamento di stipendi e servizi come housekeeping, lavanderia e catering. Sempre secondo FerderAlberghi, al momento Milano sta perdendo 25-30 mila camere occupate al giorno; ipotizzando una tariffa media di 120 euro euro al giorno si tratta dunque di minori incassi tra i 3 e i 4 milioni di euro al giorno, senza pensare a tutto l’indotto (trasporti, ristorazione, spettacoli).

Oltre 100 milioni di fatturato perso in un mese

Moltiplicato anche solo per un mese sono già 100-120 milioni in meno di fatturato e se si allarga lo sguardo all’intera Lombardia la situazione appare ancora più critica, con molte strutture in montagna (dove in assenza del coronavirus sarebbe stata alta stagione) o in città tradizionalmente meta di gite scolastiche (sospese in tutta Italia) che stanno valutando una chiusura anticipata di ben due mesi rispetto all’anno scorso.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercato immobiliare alberghiero, nel 2016 fatturato da 2,4 miliardi di euro

Alberghi e ristoranti solo per adulti e vietati ai bambini

Immobiliare, euforia tra gli investimenti in hotel

NEWSLETTER
Iscriviti
X