Debito pubblico verso nuovi record 2.257 miliardi a marzo

A
A
A
di Finanza Operativa 8 Maggio 2017 | 19:30

A cura di Maurizio Mazziero, Mazziero Research
Stime debito pubblico sino a giugno 2017
(Costantemente aggiornate; Ultimo aggiornamento 8 maggio 2017)
I dati ufficiali
Debito pubblico a marzo 2017:
2.257 miliardi (in aumento)
Intervallo confidenza al 95%:
compreso tra 2.253 e 2.261 miliardi
Dato ufficiale verrà pubblicato il: 15 maggio 2017
Debito pubblico ad aprile 2017:
2.267 miliardi (in aumento)
Intervallo confidenza al 95%:
compreso tra 2.263 e 2.271 miliardi
Dato ufficiale verrà pubblicato il: 15 giugno 2017
Debito pubblico a giugno 2017:
compreso tra 2.279 e 2.287 miliardi
Intervallo confidenza al 95%
Dato ufficiale verrà pubblicato a metà agosto 2017.
Debt-20170508
Spesa per interessi a febbraio 2017:
9,5 miliardi di euro.
Stima Mazziero Research per fine 2017:
71,7 miliardi di euro.
Nota:
dopo alcuni mesi viene comunicata dalla Ragioneria Generale la spesa per interessi finale, il dato è generalmente inferiore di circa 2 miliardi rispetto alla sommatoria dei singoli mesi è quindi plausibile una cifra finale di 68,5 miliardi. 

Il commento della Mazziero Research
Il debito pubblico è nuovamente diretto verso nuovi record. Le stime Mazziero Research prevedono un debito a marzo di 2.257 miliardi, seguito da 2.267 miliardi ad aprile. Si continuerà ancora a crescere sino a giugno, quando verrà raggiunta una cifra compresa tra 2.279 e 2.287 miliardi.
Analisi, stime e un’ampia rassegna dei dati economici italiani sono pubblicati nell’Osservatorio trimestrale dei dati economici italiani, il 26° numero uscirà il 25 maggio.
Il prossimo Osservatorio riporterà le stime del debito sino a dicembre 2017.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Italia: debito pubblico sotto i 2.700 mld, ma tornerà a crescere. Le stime

Investimenti, debito pubblico italiano: ecco le soluzioni

Mercati: il debito pubblico resta la palla al piede dell’Italia

NEWSLETTER
Iscriviti
X