Esposizione azionaria da privilegiare

A
A
A
di Finanza Operativa 9 Maggio 2017 | 14:00

A cura di Alessandro Allegri  – AD di Ambrosetti Asset Management Sim
L’esito elettorale in Francia è andato nella direzione di confermare sostanzialmente le aspettative. I mercati finanziari già nelle scorse settimane scontavano nelle loro quotazioni un esito favorevole, della tornata elettorale, alla parte politica maggiormente europeista.  La prima reazione dei mercati è stata cauta, con qualche flessione sul frangente azionario, non strettamente legata all’esito elettorale quanto al consolidamento degli interessanti rialzi delle sedute precedenti.
L’attualità finanziaria, fortemente influenzata da situazioni geopolitiche, non sta comunque mutando di molto il clima economico-finanziario di riferimento. Il flusso recente di dati macroeconomici continua a supportare, infatti, uno scenario positivo per l’economia mondiale, con la crescita che si avvicina ai livelli massimi raggiunti negli ultimi anni. La ripresa della spesa per investimenti appare ben avviata ed accompagnata, ora, da un distribuito rialzo dei profitti aziendali. In questo contesto, le differenti politiche monetarie vengono valutate come elementi di sostanziale supporto al mercato; da un lato perché ancora espansive ed accomodanti e dall’altro, in ogni caso, in quanto indirizzate all’interno di un percorso altamente scontato.
Infine lo scenario geopolitico viene ancora valutato come il principale fattore di potenziale rischio per lo sviluppo dei mercati e dunque i prossimi mesi si preannunciano come particolarmente impegnativi sotto questo punto di vista, soprattutto in area Euro. Le principali indicazioni vanno comunque a sostegno dei mercati azionari in un’ottica strategica mentre gli strumenti obbligazionari si candidano ad essere gli asset con meno valore potenziale e più rischi prospettici.
L’ANALISI TECNICALe azioni, nonostante l’incertezza iniziale, proseguono a crescere a livello globale, seppure in maniera contenuta, mentre si deve segnalare la continuazione della sovraperformance delle Borse dell’area Euro e soprattutto dei mercati Emergenti, a livello geografico, e delle tematiche Information Technology e Consumi Ciclici sul lato settoriale. I numeri parlano di un indice azionario globale (Msci World) cresciuto del +1.00% con Francia e Spagna, in Europa, oltre il +2%. Crescono molto inoltre Turchia (+6.42%) e Sud Africa (+3.38%). Per le obbligazioni è stato un mese di transizione con poche novità che consegnano risultati positivi su tutti i fronti, con Corporate, High Yield ed Emergenti che fanno meglio rispetto ai Governativi. Cresce ancora l’Oro (+1.52%) mentre il Petrolio fatica (-3.47%). A livello valutario, l’attualità politica sostiene la divisa Inglese in generale mentre l’Euro si apprezza verso Dollaro, Yen e Franco Svizzero. Sul lato mercati una certa rotazione sembra essere avvenuta fra Stati Uniti ed area Euro, oggi in recupero di forza e sostenuta da dati macroeconomici più stabili e positivi che fanno da solido contorno ad una fase elettorale sicuramente impegnativa.
L’ASSET ALLOCATION – In questo scenario adottiamo una asset allocation ancora orientata ai mercati azionari con i mercati Emergenti, in particolare, che presentano un’impostazione positiva in termini di attese, mentre il nostro outlook su USA e Euro rimane sostanzialmente neutrale. Le negatività maggiori, in ottica strategica, restano concentrate sul frangente obbligazionario che si presenta come l’asset class con meno valore potenziale e più rischi prospettici anche se, nell’imminente, continua a consegnare risultati stabili e resta supportata da un andamento generale dei tassi d’interesse ancora restio a sviluppare dinamiche rialziste veramente significative.
In generale stabile il fronte valutario, dove si attendono potenziali nuovi apprezzamenti della Sterlina alle prese con le contingenze dell’evento Brexit. Concludendo con le Commodities riteniamo che l’evoluzione attesa vada nella direzione di una stabilizzazione dei prezzi del Petrolio e soprattutto dell’Oro dopo le crescite degli scorsi mesi.
Per il mese di Maggio resta privilegiata, complessivamente, l’esposizione azionaria.  Il complesso della qualità allocativa non varia. Si conferma un ruolo importante per le tematiche settoriali con una maggiore esposizione in particolare a livello globale verso i temi legati al settore finanziario, alle telecomunicazioni ed alle Utilities. In una logica geografica viene riproposto un sostanziale equilibrio tra area Euro, Usa, Giappone e mercati Emergenti. Sul frangente obbligazionario rimane prevalente la maggiore esposizione sulle tematiche a spread mentre complessivamente privilegiamo una esposizione valutaria contenuta.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Ambrosetti (Ambrosetti AM Sim): “Affrontiamo i mercati con un approccio quantitativo”

Ambrosetti Am Sim, accordo con Optima Sim

Privilegiamo l’azionario Euro: la view di Ambrosetti Am

NEWSLETTER
Iscriviti
X