Da avversari in tribunale a partner: pace fatta tra Nokia e Apple

A
A
A
di Finanza Operativa 24 Maggio 2017 | 13:30

a cura di Francesco Palmisano Head of sales EXANTE

Apple e Nokia hanno annunciato ieri di aver risolto tutte le controversie relative al tema della  proprietà intellettuale, concordando una licenza di brevetto pluriennale.

Il conflitto tra le due aziende di telefonia era iniziato lo scorso dicembre, per via della violazione da parte di Apple di 32 brevetti, appartenuti a Nokia, in diversi paesi (principalmente Germania e USA).

Dopo oltre 5 mesi di battaglie, la disputa si è conclusa quindi con un accordo che prevede una partership tra le due società; Maria Varsellona, chief legal officer di Nokia, ha dichiarato: “il nostro rapporto con Apple passa dall’essere avversari in tribunale a partner commerciali che lavorano per il beneficio dei propri clienti.”

Nell’ambito del rapporto di collaborazione, Nokia fornirà prodotti e servizi per l’infrastruttura di rete all’azienda di Cupertino, mentre quest’ultima continuerà a vendere i prodotti di salute digitale di Nokia, commercializzati precedentemente alla controversia sotto il brand Withings.

“Siamo soddisfatti di come si sia risolta la questione e non vediamo l’ora di espandere il nostro rapporto d’affari con Nokia”, ha dichiarato Jeff Williams, Chief Operating Officer di Apple.

I dettagli dell’accordo rimangono ancora confidenziali, ma Nokia riceverà un anticipo in contanti da parte di Apple, con entrate supplementari vincolate alla durata dell’accordo stesso.

In attesa di conoscere le cifre dell’accordo, chi ne beneficia maggiormente per ora è il titolo Nokia; alla borsa di Parigi e in quella di Helsinki, il titolo ha fatto registrare nella giornata di ieri rispettivamente un +6.5% e un +7%.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Gli Etf arricchiscono le big tech. Da sole capitalizzano quasi il 40% del Nasdaq

Disinvestire dalle big tech? Prematuro, nonostante le nuvole all’orizzonte

Dopo Tesla anche Apple è pronta a comprare Bitcoin?

NEWSLETTER
Iscriviti
X