Petrolio, l’inizio della driving season compenserà l’aumento di produzione Usa?

A
A
A
Finanza Operativa di Finanza Operativa 30 Maggio 2017 | 16:00

Gli ultimi dati pubblicati da Baker Hughes hanno evidenziato che, la scorsa settimana il numero di trivelle statunitensi ha registrato un nuovo incremento per un totale di 722 unità, registrando la diciannovesima settimana consecutiva di aumenti, oltre che il numero più alto dall’aprile del 2015. Una notizia certo non positiva per il recupero delle quotazioni del petrolio Wti , che al momento poco al di sotto della soglia tecnica e psicologica dei 50 dollari per barile.

Tuttavia, con la festività per il Memorial Day è iniziata la cosiddetta driving season e un consequenziale incremento dei consumi di carburante degli americani. Una fase che può compensare e forse addirittura mettere fine, almeno in ottica di breve termine, al downtrend del greggio. Operativamente i prossimi obiettivi al rialzo, una volta eventualmente confermato il superamento dei 50 dollari per barile, sono individuabili in zona 52. Stop loss da posizione alla violazione di 48,50. dove transita lamedia mobile a 21 giorni.

Per sfruttare il potenziale allungo del Wti a Piazza Affari sono disponibili una serie di Etc: Etfs Wti Crude Oil, Boost Wti Oil Etc, Sg Etc Wti Oil Collateralized, Etfs Eur Daily Hedged Wti Crude Oil, Etfs Wti 2mth Oil Securities, Boost Wti Oil 2x Leverage Daily Etp, Etfs 2x Daily Long Wti Crude Oil, Boost Wti Oil 3x Leverage Daily, Sg Etc Wti Oil +3x Daily Lev Collateral e Etfs 3x Daily Long Wti Crude Oil.       Gianluigi Raimondi

Clicca sul grafico per ingrandirlo

petrolio wti

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Il petrolio si raffredda in scia al nuovo rafforzamento del dollaro. I target di Goldman

NEWSLETTER
Iscriviti
X