Segnali incoraggianti per l’industria svizzera

A
A
A
di Finanza Operativa 5 Luglio 2017 | 13:30

In Svizzera l’indice dei responsabili degli acquisti si è attestato in giugno a 60,1 punti, 4,5 in più di maggio. Si tratta del livello più elevato dal febbraio 2011. Un segnale incoraggiante per l’industria svizzera in quanto avranno un impatto anche sul lavoro: le prospettive d’impiego, secondo quanto riportato dal sito della Rsi, hanno infatti raggiunto 58,1 punti, contro i 51,8 di maggio.

Il dato rilevato è nettamente superiore alle attese poiché i valori maggiori di 60 erano stati infatti finora registrati solo in fasi di boom, vale a dire nel 1999-2000, nel 2005-2008 e nel 2010-2011. Ad affermalso sono gli economisti di Credit Suisse, che interpretano quanto raccolto mensilmente in un sondaggio dall’associazione di categoria Procure.ch.

L’indice era sceso nei due mesi precedenti, ma da gennaio 2016 è comunque costantemente sopra la soglia dei 50 punti e da diversi mesi oltrepassa pure la media pluriennale di 53,7.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, oro: boom di acquisti per le banche centrali

PayPal pronto ad abilitare la compravendita e lo shopping crypto

Bce, all’orizzonte un nuovo piano di acquisto di bond?

NEWSLETTER
Iscriviti
X