Da East Capital un nuovo fondo sostenibile sui mercati emergenti

A
A
A
di Finanza Operativa 6 Luglio 2017 | 13:00

East Capital, società specializzata nei mercati emergenti e di frontiera, fondata nel 1997 compie 20 anni e presenta il nuovo fondo East Capital (Lux) Sustainable Emerging Markets Fund, da oggi disponibile per gli investitori italiani, che racchiude le migliori scelte sostenibili e di lungo periodo a livello globale.
Peter Elam Håkansson, Chairman e CIO di East Capital, ha commentato, “20 anni fa nasceva East Capital e si prefiggeva di essere un investitore attivo, sostenibile e di lungo termine, con radici nei valori nordeuropei. Dalla fondazione abbiamo assistito a numerosi cambiamenti sia nel mondo che nel nostro universo d’investimento. Oggi più che mai siamo convinti che le società che sposino politiche sostenibili potranno beneficiare di vantaggi competitivi. Pensiamo che le migliori idee d’investimento si trovino al di fuori delle industrie estrattive – e sono già 20 anni che applichiamo questo concetto in Russia.”
East Capital Sustainable Emerging Markets è un veicolo UCITS domiciliato in Lussemburgo, gestito da Peter Elam Håkansson, con il supporto di Adrian Pop e Francois Perrin, basati a  Hong Kong e di Louise Hedberg, Head of Corporate Governance and Sustainability. Il fondo investirà in società caratterizzate da un elevato potenziale di crescita e un solido profilo ESG, con una forte attenzione verso i temi legati alla crescita interna e ai consumi emergenti. La strategia ricercherà anche opportunità nelle energie rinnovabili e in altre tecnologie pulite a rapida crescita. Svincolato dal Benchmark il fondo ha esposizioni selettive nei mercati di frontiera e nelle A-shares cinesi (società cinesi quotate a Shanghai e Shenzhen). Le politiche ESG sono completamente integrate nei nostri processi d’investimento per consentire investimenti più consapevoli, minori rischi e maggiori ritorni per i nostri investitori.
“Abbiamo sempre adottato un approccio attivo all’investimento sostenibile considerandolo un conseguenza naturale e importante dei nostri processi d’investimento dato che le politiche ESG mette in luce sia dei rischi che dei rendimenti. Oggi, per esempio, la guerra all’inquinamento intrapresa dalla Cina ha dato il via a un programma d’investimenti senza precedenti, creando uno dei più grandi mercati a livello globale per le società che forniscono soluzioni alle sfide dettate dalla sostenibilità e nelle quali investe il nostro fondo”, ha concluso Håkansson.
 East Capital Sustainable Emerging Markets, che ha come benchmark l’indice MSCI Emerging Markets, è disponibile per la distribuzione sul mercato italiano sia per gli investitori istituzionali che retail.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati di frontiera, le prospettive nell’era del coronavirus

Le economie dell’Est Europa restistono al coronavirus

Coronavirus, la resilienza delle A-Share in Cina

NEWSLETTER
Iscriviti
X