Non tutte le commodity costano care

A
A
A
di Finanza Operativa 6 Luglio 2017 | 14:00

A cura di Francesco Lavecchia, Morningstar

Materie prime costose nonostante le perdite. L’indice Morningstar Materials ha ceduto il passo nell’ultimo trimestre accusando un passivo del 3% (rendimenti in euro al 28 giugno 2017), ma il rapporto Prezzo/Fair value dei titoli del comparto, pari a 1,11, continua a essere uno dei più alti.
Per gli investitori che cercano un buon bilanciamento del portafoglio anche a livello settoriale la buona notizia è che non mancano le possibilità di posizionarsi su titoli con ottimi fondamentali, solidi modelli di business e prezzi convenienti.
Symrise sfrutta i trend di lungo periodo. Symrise ha avuto un giugno sottotono che però non le ha impedito di chiudere il trimestre con un attivo del 5%. Il titolo è scambiato a un tasso di sconto del 20% rispetto al fair value che è pari a 78 euro (report aggiornato al nove maggio 2017) e al momento presenta un Morningstar rating di quattro stelle. Symrise è il terzo produttore al mondo di fragranze e aromi per aziende attive nel campo della cosmesi e in quello alimentare.  La società tedesca, nonostante operi in un settore molto frammentato, è riuscita a costruirsi una posizione di vantaggio rispetto ai competitor per effetto degli elevati costi di switch che i suoi clienti dovrebbero sopportare per passare a un diverso fornitore.
Ogni ordine risponde alle specifiche richieste del cliente e questo crea un rapporto di fiducia molto forte che difficilmente rischia di andare in crisi per questioni di prezzo. A favore di Symrise giocano importanti trend di lungo periodo: l’urbanizzazione dei paesi in via di sviluppo e lo spostamento delle preferenze dei consumatori occidentali verso prodotti più naturali. Il gruppo tedesco è molto esposto ai mercati emergenti dove la crescita del reddito medio promette di spingere i consumi di cibo confezionato.
Nel secondo caso, invece, lo spostamento della domanda verso prodotti a maggior valore aggiunto dovrebbe contribuire a migliorare i margini di profitto. Le previsioni per i prossimi cinque anni indicano un progresso medio dei ricavi del 5% e un’espansione del margine Ebit di circa 400 punti base dal 14% al 18% nel 2021.
Cameco spera nella Cina. Nell’ultimo trimestre è andata peggio a Cameco, gruppo canadese e tra i maggiori produttori di uranio al mondo, la cui capitalizzazione di mercato è scesa del 17%. Ora le sue azioni sono scambiate attorno a 12 dollari canadesi a un tasso di sconto del 50% rispetto al fair value (report aggiornato al 19 giugno 2017).
Cameco è riuscita a costruirsi una posizione di vantaggio all’interno del settore grazie alla qualità dei suoi asset che le permettono di produrre uranio a costi tra i più bassi sul mercato e dunque di realizzare margini di profitto superiori alla media.
A favore dell’azienda canadese giocano l’esaurimento delle scorte di uranio e i forti investimenti nel nucleare da parte soprattutto della Cina, ma anche di India e Russia. Queste due variabili promettono di spingere il fatturato a un ritmo del 4% nei prossimi cinque anni trascinando il margine operativo sopra il 35% (dall’attuale 23%).
Rapporto Prezzo/Fair value settore materie prime

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Auto, ecco come crescerà la domanda mondiale

Al private equity piace il calcio (e lo sport in generale)

Strategie alternative, tra impatto e innovazione

NEWSLETTER
Iscriviti
X