Fondi immobiliari scambiati ai minimi storici

A
A
A
di Marcella Persola 22 Gennaio 2009 | 10:30
Contesto di mercato differente e scambi contenuti hanno caratterizzato l’andamento dei fondi immobiliari nella settimana che si è appena conclusa. Il valore di mercato segna un meno mentre l’indice è positivo.

Fondi immobiliari nell’occhio del ciclone. A penalizzarlo sono stati soprattutto il contesto di mercato che è cambiato repentinamente, le mosse forse un po’ troppo azzardate di alcune società di gestione e anche forse delle valutazioni di mercato che devono far riflettere.

Fatto sta che oggi questo prodotto che già non aveva in Italia una diffusione così capillare e comunque non era così “ambito” neanche dalle reti di distribuzione, infatti veniva collocato e lo è ancora esclusivamente dal canale bancario, potrebbe entrare in un vero tunnel. Siamo troppo pessimisti? Forse qualche ragione c’è.

Se guardiamo al report settimanale di No Risk che mette in evidenza l’andamento dei fondi immobiliari quotati non c’è da stare tranquilli. Il valore di mercato dei fondi immobiliari è calato dello 0,9% in linea con quanto accaduto sui principali mercati quotati. Gli scambi continui a essere sempre più diradati, mentre l’indice di riferimento del mercato, ossia Ftse Epra/Nairet Italy è positivo (+0,8%).

Tra i fondi immobiliari si mette in evidenza soprattutto Tecla (+4,6%) che secondo quanto riportato dalla società guidata da Carlo Mazzola si conferma il fondo con il miglior rendimento dal collocamento (+15,5% annuo). Per gli altri invece la rotta è verso il minimo storico. Come per il fondo Unicredit 1 (-3,5%) o Polis che pur essendo positivo è scambiato su prezzi veramente molto vicino al minimo storico.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fondi immobiliari alla prova del mercato

NEWSLETTER
Iscriviti
X