Eurozona, quest’anno crescita del Pil attesa all’1,9%

A
A
A
di Finanza Operativa 3 Agosto 2017 | 17:00

A cura di Gero Jung, Chief Economist di Mirabaud AM

I dati reali continuano a indicare un forte miglioramento dell’attività dell’Eurozona. Innanzitutto, la crescita del PIL a toccato lo 0,6% nel secondo trimestre, principalmente supportato da consumi privati e da una spesa di governo più elevati. Ciò dovrebbe continuare e ci aspettiamo un ulteriore contributo positivo dagli investimenti privati in quanto la fiducia delle imprese (i PMI manifatturieri continuano a segnalare un’espansione) e le attese restano su un trend al rialzo.

La crescita del PIL sarà in grado di raggiungere l’1,9% nel 2017, dato che dovrebbe essere in linea con le previsioni della Banca Centrale Europea.

In secondo luogo, l’inflazione core ha battuto le aspettative a luglio grazie ai base effect e a una leggera accelerazione dei prezzi dei beni industriali non appartenenti al settore energetico. Questa sorpresa al rialzo è comunque insufficiente a sostenere una convergenza duratura e autosufficiente dell’inflazione in questa fase. Pertanto è improbabile che ciò porterà a un cambiamento della posizione di politica monetaria della Bce.

Infine, oltre al fatto che i dati delle indagini continuano a suggerire un forte slancio dell’attività economica anche il mercato del lavoro continua a migliorare, con il tasso di disoccupazione in calo al 9,1%. Spagna e Italia su questo fronte sono migliorate in maniera significativa.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, Pfizer migliora il consensus sui ricavi

Mercati, obbligazioni: quanto possono salire ancora i rendimenti

Petrolio, l’Opec+non riduce i tagli. Le previsioni di Equita

NEWSLETTER
Iscriviti
X