Hedge – super consulenti? No grazie

A
A
A
Avatar di Marco Mairate 12 Febbraio 2009 | 16:00
Tempi bui anche per ex premier e illustri esperti economici. Dopo essere stati assunti come mega consulenti da fondi hedge e private equity, ora le società alternative scoprono di non aver così bisogno dei loro suggerimenti e li lasciano educatamente a casa.

La società di investimenti alternativi, Centaurus Capital, ha cancellato l’advisory board di cui facevano parte nomi ilustri della politica e dell’economia: tra questi l’ex premier spagnolo José María Aznar (nella foto ride insieme a George W.Bush e Tony Blair) e il segretario britannico ombra al commercio  Kenneth Clarke

Centaurus Capital, lanciata nel 2000 da un team di investement bankers provenienti da BNP Paribas, nella metà del 2007 ha fatto come altre molte società di investimento, decidendo di allargare il panel di esperti macroeconomici della società, inserendo elementi provenienti da ambiti ed esperienze diverse da quelle della gestione pura. 

Ma Aznar non è l’unico superconsulente sulla piazza. Stessa sorte è toccata per esempio ad Alan Greenspan (assunto da Paulson & Co.) all’ex premier britannico Tony Blair, assunto da Jp Morgan come super advisor. Ma anche figure invise ai più come Stanley O’Neal (ex numero uno di Merrill Lynch), avrebbero trovato un nuovo impiego presso un hedge fund sconosciuto. 

Tra gli altre elmenti dell’advisory  board di Centaurus, ora dismesso, ci sarebbero anche l’economista Thierry de Montbrial, fondatore e presidente dele French Institute of International Relations, e Haruko Fukuda, ex chief executive del World Gold Council.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Blackstone si affida alla diplomazia francese

Bernanke e la nazionalizzazione

NEWSLETTER
Iscriviti
X