I mercati emergenti hanno ancora benzina

A
A
A
di Finanza Operativa 7 Agosto 2017 | 15:30

A cura di Chris Thomsen e Shaw Wagener, gestori di portafoglio di Capital Group

Le azioni dei mercati emergenti sono salite del 50% dopo i minimi di inizio 2016, grazie al continuo programma di incentivazione in Cina, alla domanda di numerose materie prime e alla maggiore stabilità del dollaro USA. Ma dopo una ripresa così forte, i ME hanno forse raggiunto il massimo?

Si direbbe di no. Anche dopo il recente rally, i ME hanno registrato un rendimento medio del 4,5% negli ultimi cinque anni, contro il 15,4% degli USA. Le valutazioni nel complesso restano interessanti rispetto ai mercati sviluppati. Ad esempio, il Brasile e la Cina sembrano relativamente convenienti, essendo scambiati a meno di 13 volte gli utili attesi l’anno prossimo. Anche gli utili aziendali sono in ripresa e storicamente ciò è un bene per le quotazioni azionarie. Nel complesso, gli utili delle società nei mercati emergenti dovrebbero salire del 21% nel 2017, la massima crescita dal 2010 se raggiunta.  Si prevedono ottimi utili dal settore tecnologico, mentre le società domiciliate in India, Cina e Brasile dovrebbero registrare una crescita stabile fino al 2018 dopo diversi anni di discontinuità.

Quali società potrebbero brillare in questo contesto? Tra gli esempi figurano Tencent e Alibaba, fornitori cinesi di servizi internet innovativi che beneficiano della rapida crescita dell’e-commerce; Samsung, Taiwan Semiconductor e Hon Hai Precision, produttori asiatici di componenti elettronici sostenuti dall’aumento dei contenuti dei dispositivi mobili; le banche private indiane HDFC e Kotak Mahindra, che potrebbero essere favorite dal ritmo della crescita del Paese.

Quando si considerano i motivi per investire nei mercati emergenti, i dividendi non saranno tra i primi della lista, ma forse dovrebbero esserlo. Dal 2003, i mercati emergenti hanno offerto una crescita dei dividendi media del 7,6% all’anno, superiore ai mercati sviluppati non USA e paragonabile agli Stati Uniti. Tuttavia, a differenza gli USA e degli altri mercati sviluppati, i rapporti di distribuzione dei mercati emergenti sono relativamente bassi, pertanto potrebbe offrire altro margine di crescita a fronte dell’aumento degli utili e del miglioramento dei flussi di cassa.

I motivi per investire nelle società che distribuiscono dividendi nei mercati emergenti rispecchiano quelli dei mercati sviluppati: i dividendi possono essere indice di una corporate governance efficace e segnalare la presenza di un valido team di gestione che opera nell’interesse degli azionisti. Inoltre, segnalano che una società conti sul proprio bilancio e sulle proprie aspettative di crescita degli utili e dei flussi di cassa per sostenere i pagamenti futuri. i. Nei mercati in via di sviluppo, l’offerta dei titoli con dividendo è ampia. Ad esempio, Taiwan Semiconductor e il distributore africano Shoprite Holdings hanno costantemente incrementato la distribuzione dei dividendi nel corso degli anni.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation, le occasioni nei bond emergenti

Fondi, Hedge Invest punta sugli emergenti con un nuovo comparto

Investimenti, dalle commodity una spinta agli emergenti

NEWSLETTER
Iscriviti
X