Il rafforzamento dell’Euro sul Franco svizzero non durerà a lungo

A
A
A
di Finanza Operativa 16 Agosto 2017 | 18:30

A cura di Yann Quelenn, analista di Swissquote
La moneta elvetica continua a soffrire nei confronti dell’euro tanto che il cambio si trova di nuovo sotto 1.15. Ciononostante noi non crediamo che si andrà verso 1.20 e tanto meno che la tendenza attuale possa essere sostenibile nel medio periodo. Infatti, non sono perfettamente chiari i fondamentali dietro il recente rialzo del franco svizzero contro la moneta unica: la situazione politico-economica non si è modificata durante l’estate e pertanto riteniamo che l’attuale cambio rappresenti solo un aggiustamento delle quotazioni dell’euro che si sta rafforzando nei confronti delle principali monete del G10 sulle crescenti aspettative di una ripresa dell’Eurozona.
I mercati ora si aspettano che la BCE proceda ad un restringimento della divergenza di politica monetaria con la Fed. Le tensioni geopolitiche dell’Europa sono rientrate negli ultimi mesi, ma è importante ricordare che la questione dell’enorme debito greco è ancora lontana dall’essere risolta e ciò probabilmente potrebbe pesare ancora sulla tenuta dell’Unione Europea. Queste sono le ragioni di base per cui riteniamo che una pressione inversa (vendita di euro e acquisti di franchi svizzeri) non sia da escludere nel prossimo futuro, specialmente considerando che i mercati stanno decisamente sovrastimando la ripresa europea.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, tempi duri per l’euro dopo e parole della Fed

Etf, State Stret lancia la classe con copertura in euro del Corporate Esg US

Forex: ancora ombre sull’Euro

NEWSLETTER
Iscriviti
X