Cdp interessata alla rete Telecom?

A
A
A
di Finanza Operativa 21 Agosto 2017 | 17:30

Un articolo pubblicato su La stampa di sabato e un’intervista sullo stesso giornale al sottosegretario Giacomelli il giorno seguente evidenziano secondo gli analisti di Equita Sim posizioni ancora contrastanti in seno al governo in merito a quale approccio seguire in relazione alla rete Telecom. L’articolo di sabato sottolineava che il ceo di Enel è nettamente contrario a un’offerta di Open Fiber per la rete di Telecom da parte di Open Fiber, come vorrebbe invece fare Cdp che vede altrimenti difficoltà per il progetto Open Fiber, a causa del rischio di costi crescenti e di difficoltà nel definire il ritorno sull’investimento per la competizione di Telecom.

L’articolo citava poi anche una valutazione della rete contenuta in uno studio professor Decina di 13 mld o oltre in funzione degli scenari tecnologici di miglioramento della performance del rame. Il giorno seguente il sottosegretario alle TLC Giacomelli ha voluto però esprimersi a favore della linea di Enel, evidenziando dubbi sulla valutazione di 13 mld della rete Telecom e sull’opportunità di un bid nel momento in cui Open Fiber sta crescendo ed erodendo valore alla rete di Telecom.

Giacomelli si è espresso con scetticismo anche sulla strategicità dell’asset Sparkle e ha ipotizzato la possibilità di accelerare l’asta per le frequenze 5G per reperire risorse alternative rispetto alle privatizzazioni di Poste/Ferrovie. Infine Giacomelli si è spinto anche a commentare con favore l’ipotesi di combinazione MediasetTelecom per creare un operatore più forte, capace di sviluppare contenuti propri e aggregare in Europa (sembra di capire anche in Francia) mantenendo una leadership italiana.

Con posizioni contrastanti nello stesso governo e a pochi mesi dalle elezioni sembra difficile che il dibattito sulla rete Telecom possa diventare operativo a breve. I dubbi che emergono da Cdp su Open Fiber e i rischi che Open Fiber pone a Telecom dovrebbero, a detta di Equita Sim, spingere a considerare un’aggregazione di Open Fiber in Telecom, che potrebbe essere di reciproco interesse.

Il target price della Sim milanese su Telecom Italia resta comunque di 1,26 euro con giudizio buy.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Euronext, Intesa e Cdp entrano in aumento

Accordo Generali-Cdp: nuovi investimenti per le Rsa

Atlantia, Aspi: dopo le manette Cdp si tira indietro? Governo all’angolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X