Grano duro, in Italia offerta in calo del 30%. Future in ascesa all’Agrex

A
A
A
di Finanza Operativa 24 Agosto 2017 | 14:30

Per il grano duro la campagna 2017 si annuncia molto difficile in Italia con una perdita media di quasi il 30% sull’annata record precedente, che equivale a 1,5 milioni di tonnellate di frumento duro in meno. Secondo le stime del comitato tecnico commerciale di Anb-Cop Isa, riportato dall’Informatore Agrario, la siccità ha compromesso gran parte della produzione nel Centro-Sud del Paese, con cali che vanno dal -41% in Toscana al -37% del Molise, dal -30% in Puglia, Basilicata e Umbria al preoccupante -50% nel Lazio.​ Meglio è andata al Nord, dove le superfici sono calate del 28%, le produzioni del 18%, ma le rese, complice un’annata molto positiva per la coltura, sono aumentate dell’11%. In generale il raccolto presenta una qualità eccellente per il 60-70% della produzione mentre il calo produttivo è da imputare tanto al clima, che ha penalizzato le rese, quanto alla riduzione delle superfici seminate a causa della scarsa convenienza economica per gli agricoltori che ha caratterizzato le ultime campagne del grano duro.

Una situazione che nelle ultime settimane ha riportato in positivo la performance a 12 mesi del future sul Durum Wheat con scadenza settembre quotato all’Agrex di Borsa Italiana in positivo: +13,85% a 242,5 euro per tonnellata. Un rialzo che ha buone chance per proseguire e spingere i corsi verso la soglia dei 250 euro.     G.R.

Indice Morningstar Europe

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

La copertura dei rischi nella filiera agroalimentare

NEWSLETTER
Iscriviti
X