State Street: la fiducia degli investitori ad agosto cala di 2,1 punti

A
A
A
di Finanza Operativa 30 Agosto 2017 | 14:30

State Street Global Exchange ha pubblicato i risultati dello State Street Investor Confidence Index® (ICI) relativi ad agosto 2017, mese in cui l’indice è calato a 106,8 punti, con una flessione di 2,1 punti rispetto al mese di luglio quando si è attestato a 108,9 punti. In particolare, il declino del sentiment è stato trainato dall’andamento dell’indice in Europa che ha registrato un calo di 4,9 punti a 89,3 punti, seguito da una riduzione di 0,3 punti in Nord America a 111,8 punti. Al contrario, in Asia l’indice è salito di 3,3 punti raggiungendo la quota di 99,3.

“Dopo l’incremento della propensione al rischio registrato nel mese di luglio, sembra che per il mese di agosto gli investitori abbiano deciso di adottare un atteggiamento attendista”, ha affermato Kenneth Froot di State Street Associates. “Detto ciò, il calo dell’indice ICI di questo mese (al 23 agosto) è risultato in una lettura che non ha catturato la reazione degli investitori in risposta all’atteggiamento adottato a Jackson Hole, qualcosa che è decisamente il primo pensiero degli investitori”.

“Sembra che quest’anno nell’Eurozona sia andato tutto per il meglio”, ha dichiarato Michael Metcalfe, senior managing director e responsabile Global Macro Strategy di State Street Global Markets. “La crescita e gli utili  hanno battuto le attese, mentre il rischio politico non si è concretizzato. Ciò nonostante, gli investitori europei questo mese hanno adottato un approccio più cauto che ha messo in evidenza i potenziali venti contrari dovuti al rafforzamento dell’Euro e l’eventuale tapering sugli acquisti di asset da parte della Banca Centrale non può più essere ignorato”.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Bain & Company: consumatori incerti, cauti e riluttanti a tornare alla normalità

L’umore dei vertici nelle aziende è peggiorato più rapidamente che tra i consumatori

Usa, una famiglia su due si aspetta un miglioramento della propria situazione finanziaria

NEWSLETTER
Iscriviti
X