Madoff, da Madrid la prima Class Action

A
A
A
Avatar di Marco Mairate 18 Febbraio 2009 | 16:30
Truffati di tutto il mondo unitevi! A due mesi dallo scandalo finanziario del secolo, arriva una class action collettiva che vedrà da una parte circa 3 milioni di truffati e dall’altra Bernard Madoff.

LE FORZE IN CAMPO

5000 avvocati, 34 studi legali, 21 paesi. Questi sono i numeri di quella che si preannuncia la più interessante class action del 2009. Trovano così un unico simbolo tutti gli investitori (ma anche banche e fondi di investimento) finiti nel Ponzi Scheme di Bernard Madoff.

La base operativa delle operazioni sarà Madrid, sede del mega studio Cremades & Calvo Sotelo, sedi in tutto e il mondo e paladino della causa. “L’obiettivo e condividere le informazioni di ogni caso nei diversi paesi, ma non c’è una strategia comune di difesa, dato che i reclami saranno individuali e davanti a giurisdizioni diverse”, ha detto Javier Cremades, partner e presidente dello studio spagnolo.

La decisione di unire sotto un’unica causa tutti gli ex clienti di Madoff è un elemento positivo. Molti infatti sono i lettori che ci hanno scritto chiedendo se e come fosse possibile unirsi ad una class action contro Madoff e i suoi feeder funds.

Bene ora gli investitori di Argentina, Austria, Brasile, Cile, Colombia, Equador, Francia, Germania, Olanda, Israele, Italia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Messico, Panama, Portogallo, Svizzera, Gran Bretagna, Uruguay e Stati Uniti saranno tutti uniti per raggiungere un unico scopo, riavere indietro almeno una parte dei soldi persi e assicurare alla giustizia tutti i complici di questa vicenda che ha i sapori di una spy-story con risvolti anche tragici.

LE PRIME MOSSE

La scaletta prevede che una delegazione dello studio legale viaggerà a New York a inizio marzo per incontrarsi con il numero uno della Sec, la neoeletta Mary Schapiro, e se possibile con altre istituzioni che lavorano sul caso (la House Committee on Financial Services o il senatore Christopher Dodd).

Difficile prevedere i risultati di un tale spiegamento di forze visto che per ammissione dello stesso Madoff, i 50 miliardi di dollari sarebbero svaniti per implementare la truffa (i soldi degli ultimi sottoscrittori venivano infatti utilizzati per ripagare le performance di quelli più ‘vecchi’) . Una cosa è certa,  quello che costerà il processo (in spese legali) di certo polverizzerà tutto il patrimonio della famiglia Madoff e dei suoi colleghi ([p]Walter Noel[/p] in primis).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X