Nuovo Euribor nel 2019, quali effetti?

A
A
A
di Finanza Operativa 1 Settembre 2017 | 14:30

L’Euribor va in pensione. Proprio così: entro la fine del 2019 il tasso di prestito interbancario al quale sono agganciati i mutui a tasso variabile sarà archiviato, sostituito da un nuovo indice, diversamente calcolato.

La notizia, degli scorsi giorni, viene a coronamento di una serie di considerazioni che da tempo serpeggiano tra le fila dello European Money Market Institute, impegnato a cercare di realizzare un indice più affidabile rispetto a quello attuale, che nasce dagli accordi di troppe poche banche per essere considerato un buon benchmark, o termine di paragone. Fino ad ora l’indice, il cui nome è acronimo di Euro Inter Banked Offered Interest, cioè tasso di interesse offerto a livello interbancario in Europa, è stato infatti un compendio dei costi del denaro applicati da un gruppo di banche dislocate in varie zone d’Europa per prestarsi reciprocamente denaro a diverse scadenze, da una settimana a 12 mesi. Tenendo conto che diverse zone d’Europa possono avere esigenze diverse, anche le banche possono chiedere tassi diversi per concedere prestiti ad altre banche: ecco perché è necessario fare una media. Nel 2012 i tassi interbancari considerati erano oltre 40; ora che si sono dimezzati urge trovare una nuova soluzione.

Il nuovo indice si baserà quindi sui prezzi reali, ricavati dalle transazioni di mercato, ma non in maniera esclusiva – una direzione che pure si era tentata per ottenere una maggiore trasparenza – per limitare l’eccessiva esposizione dell’indice alle fluttuazioni finanziarie. Il nuovo Euribor si baserà quindi su un sistema ibrido: in parte legato all’effettivo andamento dei mercati finanziari, in parte ad altri dati che conferiscano maggiore stabilità. Gli algoritmi per il calcolo dovrebbero essere pronti già dalla fine di quest’anno, ma il nuovo indice richiederà ancora un paio d’anni per diventare operativo, per dare tempo ai vari contratti ad esso agganciati (tra cui mutui per oltre mille miliardi) di scadere.

continua a leggere su www.mutui.it

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X