Nuova moneta virtuale, Credit Suisse si unisce al consorzio

A
A
A
di Finanza Operativa 4 Settembre 2017 | 13:30

Credit Suisse vuole partecipare alla nuova moneta virtuale Utility Settlement Coin (“USC”). La seconda banca elvetica ha deciso di unirsi al consorzio del progetto costituito da undici istituti finanziari – tra cui Ubs – e dalla società britannica Clearmatics.

Il progetto della nuova cibervaluta (un’alterantiva al bitcoin) si basa sulla tecnologia detta “Blockchain“, che consente lo stoccaggio e la trasmissione trasparente e sicura di informazioni, e si fonda sul principio dell’infrastruttura decentralizzata e di meccanismi crittografici evoluti.

L’idea dell’Usc è stata elaborata congiuntamente da team di Ubs e Clearmatics, un’azienda specializzata in soluzioni basate sulle reti decentralizzate. Il progetto ha preso avvio alla fine del 2015 e si prevede che la nuova moneta virtuale arrivi sui mercati dal 2018.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Etf, da VanEck un prodotto ad hoc sulla trasformazione digitale

Allfunds, la distribuzione dei fondi incontra la blockchain

21Shares lancia il primo Etp al mondo sulla blockchain Polkadot

NEWSLETTER
Iscriviti
X