Rame, il calo della domanda in Cina mette sotto pressione il mercato

A
A
A
di Finanza Operativa 11 Settembre 2017 | 16:00

Le importazioni cinesi di rame relative al mese di agosto sono state pari a 390.000 tonnellate portando il totale dei primi otto mesi del 2017 a 3,01 milioni di tonnellate e segnando una diminuzione del 12,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Un dato che, sommato all’aumento delle scorte nel Paese, ha innescato i primi segnali di inversione di tendenza per le quotazioni del  rame che hanno violato i primi livelli di supporto e portandosi al test del supporto a 6.800 dollari per tonnellata e allontanandosi così di oltre 150 dollari dai massimi di periodo.

Il quadro tecnico trova conferme in una situazione di ipercomprato degli oscillatori che necessitano di una correzione delle quotazioni in direzione dei 6.700 dollari. Al ribasso, a Piazza Affari, sul rame disponibili i seguenti Etc: l’Etfs 1x Daily Short Copper e l’Etfs 3x Daily Long Copper, quest’ultimo a leva tripla.  G.R.

Clicca sul grafico per ingrandirlo
rame

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, sui metalli industriali il driver è la svolta green

Fondi, per BlackRock arriva l’ok da Pechino a operare in Cina

Mercati emergenti, le quattro discussioni sulla Cina che preoccupano gli investitori

NEWSLETTER
Iscriviti
X