L’apprezzamento dell’euro: cause, prospettive e conseguenze

A
A
A
di Finanza Operativa 13 Settembre 2017 | 19:30

A cura di Amundi Am
L’euro rimane sottovalutato in base alla maggior parte dei modelli di valutazione ed è spinto al rialzo da una economia interna che si è rafforzata notevolmente dall’inizio dell’anno. Non è tanto il valore dell’euro a sorprendere, quanto la velocità alla quale sì è rafforzato dall’inizio di maggio. Anche se è evidente che il recente rialzo della moneta unica è dovuto a fattori esterni all’Eurozona (diffusa debolezza del dollaro USA e della sterlina in particolare), riteniamo che l’apprezzamento al quale abbiamo assistito dall’inizio dell’anno a oggi sia dovuto in gran parte al miglioramento dei fondamentali dell’Eurozona e al surplus di bilancio.
La pressione rialzista sulla moneta unica dovrebbe pertanto continuare, anche se il recente rialzo è stato eccessivamente rapido e quindi non si può escludere una correzione a breve. Non crediamo che il rafforzamento dell’euro sia così forte da mettere a repentaglio il proseguimento della ripresa. Tuttavia, la BCE dovrà cercare di evitare un overshooting dell’euro. Se riuscirà nell’intento, gli utili societari potrebbero risentire del rafforzamento della moneta unica da qui a fine dell’anno, ma crediamo che alla fine il trend ciclico finirà con l’avere la meglio. Il potenziale di recupero sul medio periodo degli utili societari nell’Eurozona rimane significativo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Amundi, siglato l’accordo quadro per l’acquisizione di Lyxor

Etf, da Amundi quattro nuovi prodotti obbligazionari

Fondi, Amundi amplia la propria offerta sul clima con due nuovi comparti

NEWSLETTER
Iscriviti
X