Le virtù nascoste dei bond governativi dell’Eurozona

A
A
A
Finanza Operativa di Finanza Operativa 25 Settembre 2017 | 13:00

A cura di Deutsche AM

I titoli di Stato dell’Eurozona sono comunemente considerati una asset class non particolarmente interessante. Rendendo poco (o avendo addirittura rendimenti negativi), per quale motivo si dovrebbe investire in questi strumenti? Ebbene, talvolta anche i titoli a basso rendimento possono produrre utili (per la competenza prezzo) abbastanza entusiasmanti, come illustra il nostro “grafico della settimana”.

Il Portogallo ha sofferto pesantemente durante la crisi dell’euro. Il paese ha perso il proprio status di investiment grade: a partire dal 2011, le agenzie di rating consideravano le obbligazioni governative portoghesi “spazzatura”. I prezzi riflettevano la bassa qualità, in alcuni casi si sono dimezzati. Dal 2012, le cose sono andate meglio. Il Portogallo ha ricevuto gli aiuti dai meccanismi di salvataggio dell’Unione Europea, è riuscito a risanare le finanze pubbliche ed è diventato nuovamente competitivo. Intanto, il famoso detto del Presidente Draghi “tutto è possibile” è riuscito a convincere i mercati che la moneta comune era irrevocabile. E i prezzi delle obbligazioni hanno iniziato a recuperare.

Attualmente, il Portogallo registra tassi di crescita di poco meno del 3%. Le agenzie di rating ne hanno preso atto. Quando Standard & Poor’s ha aggiornato il rating del Portogallo a “BBB-“, riconquistando lo status investment grade, i mercati obbligazionari hanno applaudito e il prezzo dei titoli di Stato a 10 anni è salito del 3%.

image001

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, i nuovi bond governativi e corporate sotto la lente

Mercati, il Btp allunga ancora la scadenza

Il Btp a 50 anni: richieste per 130 miliardi

NEWSLETTER
Iscriviti
X