Il Messico sembra aver vinto la battaglia contro l’inflazione

A
A
A
di Finanza Operativa 27 Settembre 2017 | 15:00

A cura di Anjeza Kadilli, Economist, e David Chatterjee, Senior Investment Manager, di Pictet
L’inflazione ha raggiunto il picco nel 2016 come conseguenza del temporaneo deprezzamento valutario. Crediamo che, dopo il picco, l’inflazione scenderà rapidamente nel corso dei prossimi anni. Ciò è in gran parte dovuto alla decisione della Banca Centrale del Messico di reagire attraverso un preventivo e aggressivo inasprimento dei tassi.
Nonostante l’elezione di Donald Trump nel 2016, l’economia messicana si è mostrata più flessibile del previsto, lasciando indietro quella americana. I consumi domestici sono stati un importante driver, sostenuti da condizioni del mercato del lavoro altamente favorevoli, dalle elevate rimesse dagli Stati Uniti e dalla ritrovata fiducia dei consumatori. Ci si aspetta che la crescita raggiungerà il 2% nel 2017 con una significativa accelerazione nel corso del prossimo anno.
Costante progresso nel migliorare i fondamentali del Paese. Le Autorità hanno fatto considerevoli sforzi per diminuire il deficit fiscale e contenere il debito pubblico. Ad esempio, il piano di ristrutturazione dell’anno scorso di Pemex, una società petrolifera posseduta dallo Stato, dovrebbe generare risparmi in misura pari allo 0.5% del PIL. Sforzi che sono stati ripagati con un miglioramento dello standard creditizio: Standard & Poor’s e Fitch hanno innalzato il rating a “stable outlook”. Il Messico ha implementato l’80% delle raccomandazioni OECD nel 2015 ed il 40% nel 2016 (tassi che rimangono ancora tra i più alti dei Paesi Emergenti).
Il mercato azionario messicano ha mostrato flessibilità. Sulla scia delle elezioni americane, le azioni messicane hanno perso circa il 20% in due settimane. Da allora, il mercato è risalito del 35% dopo che sono venute meno le preoccupazioni riguardanti gli impatti più estremi che l’elezione di Donald Trump avrebbe potuto avere sulle relazioni tra Messico e Stati Uniti.
Crediamo che il settore bancario sia attraente a causa della scarsa penetrazione del credito. Mentre vigiliamo sugli sviluppi politici, usando un approccio di tipo bottom-up, abbiamo una sovraesposizione al Messico con particolare attenzione al settore bancario. Il Messico si distingue per avere una penetrazione del credito molto bassa rispetto ai principali Paesi Emergenti comparabili.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati emergenti, la partita si gioca sempre sulla politica

Eni, nuovo giacimento offshore. A Piazza Affari inizia il recupero

Le tre sorprese che riserverà il 2020 secondo Jupiter AM

NEWSLETTER
Iscriviti
X