World Wealth Report 2017: entro il 2025 i patrimoni dei più ricchi supereranno i 100 mila miliardi di dollari

A
A
A
di Finanza Operativa 29 Settembre 2017 | 12:00

a cura di Capgemini

Capgemini oggi ha rilasciato il World Wealth Report 2017, dal quale è emerso che nel 2016 il valore medio degli investimenti degli High Net Worth Individuals (HNWI) gestiti dai wealth manager è aumentato del 24,3%. Viene confermata inoltre la previsione per cui entro il 2025, il valore dei patrimoni degli HNWI supererà i 100.000 miliardi di dollari. Tutto ciò accade in un momento in cui la popolazione mondiale di HNWI e il loro patrimonio hanno raggiunto i massimi storici, mentre le BigTech  valutano il proprio ingresso sul mercato dei servizi per la gestione patrimoniale.

È possibile scaricare il report al sito www.worldwealthreport.com.

Di seguito le principali evidenze

Gli HNWI crescono in tutto il mondo:

  • Nel 2016 il tasso di crescita degli HNWI è sensibilmente salito, con la popolazione HNWI che è aumentata del 7,5% rispetto all’incremento del 4,9% registrato nel 2015.
  • Nello stesso periodo, anche i loro patrimoni sono cresciuti dell’8,2%, contro il 4% del 2015: questi, infatti, sono sulla buona strada per superare i 100.000 miliardi di dollari entro il 2025, con il Nord America e l’Europa che, nel 2016, hanno raggiunto gli stessi tassi di crescita dell’Asia-Pacifico.
  • La crescita della popolazione HNWI in ognuno di questi tre importanti mercati, ovvero Asia-Pacifico, Nord America e Europa, è salita di circa il 7,5%, mentre i patrimoni hanno riportato un aumento dell’8,2%, con ampi miglioramenti sia in Nord America sia in Europa, mentre nell’Asia-Pacifico c’è stata una leggera flessione.
  • Alcuni mercati, tra cui Russia e Brasile, hanno decisamente migliorato la propria posizione. In particolare, in Russia si è registrato il tasso di crescita più rapido, che è stato pari a circa il 20% sia per la popolazione di HNWI che per i loro patrimoni, a seguito di un modesto calo nel 2015. In Brasile, invece, c’è stato un incremento a doppia cifra sia per la popolazione di HNWI che per i loro patrimoni, a seguito del forte calo del 2015.
  • In Italia, tra il 2015 e il 2016, il numero di HNWI è incrementato del 10%, da 229.000 a 252.000 individui. Tra i fattori che hanno favorito questo risultato, la crescita del PIL dello 0,9% nel 2016, rispetto allo 0,6% registrato nel 2015

La rivoluzione delle BigTech è all’orizzonte:

  • Più della metà degli HNWI (56,2%) afferma di essere propensa a utilizzare i servizi per la gestione del patrimonio offerti dalle BigTech, da cui si aspetta maggiore efficienza, trasparenza, innovazione ed eccellenti funzionalità online.
  • I livelli di soddisfazione degli HNWI riguardanti l’operato delle società di gestione patrimoniale e dei wealth manager di riferimento sono scesi rispettivamente al 58,5% e al 56,3%, probabilmente per effetto del numero limitato di opzioni offerte e per via delle strutture di fee. Questa rappresenta una grande opportunità per le BigTech che dovessero decidere di entrare nel settore del wealth management.
  • La collaborazione tra le aziende di wealth management e le Big Tech potrebbe portare a una rivoluzione diffusa all’interno del settore. Secondo il report, infatti, per gli HNWI i modelli ibridi di consulenza patrimoniale che uniscono strumenti digitali e livelli d’interazione umana hanno lo stesso valore di quelli offerti dai wealth manager.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Capgemini: banche retail, cambiare per sopravvivere

Consulenti, non piacete ancora abbastanza ai paperoni

Polonia, la Cina d’Europa

NEWSLETTER
Iscriviti
X