Immobiliare a rischio bolla, ma non in Svizzera secondo Ubs

A
A
A
di Finanza Operativa 2 Ottobre 2017 | 15:30

In Svizzera il rischio di bolla immobiliare non c’è, mentre in altri paesi occidentali sì. A sostenerlo è il rapporto annuale UBS Global Real Estate Bubble Index, secondo cui a Zurigo e Ginevra il settore è solo “moderatamente sopravvalutato”.

“Le condizioni di finanziamento favorevoli contribuiscono a mantenere vivace la domanda di proprietà di abitazioni. Il costo di un appartamento di 60 metri quadrati a Zurigo equivale al reddito percepito in sei anni da un lavoratore specializzato nel ramo dei servizi: un livello relativamente basso se paragonato a quello di molte altre città del mondo”, ha spiegato sul sito della Rsi Matthias Holzhey, Head Swiss Real Estate Investment di UBS Wealth Management.

A livello mondiale Toronto, invece, è la città più a rischio di bolla immobiliare, seguita da Stoccolma, Monaco di Baviera, Vancouver, Sydney, Londra, Hong Kong e Amsterdam. Forti incrementi sono stati registrati a Parigi, Amsterdam, Francoforte e Monaco di Baviera. Tutte le città che figurano nello studio, tranne Milano, risultano sopravvalutate.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti: Comgest mette in guardia su una possibile bolla green

Investimenti, attenzione alla possibile bolla finanziaria all’orizzonte

Mercati, tutti i segnali sottovalutati del rischio bolla

NEWSLETTER
Iscriviti
X