Eurozona, continua il rafforzamento dell’economia, ma l’inflazione resterà controllata

A
A
A
di Finanza Operativa 5 Ottobre 2017 | 10:30

A cura di Gero Jung, Chief Economist di Mirabaud AM
 Gli ultimi dati macroeconomici sono positivi, con gli indicatori del sentiment che aumentano sempre di più e i sondaggi di settembre sul manifatturiero che suggeriscono ulteriori miglioramenti. L’ottimismo relativamente al settore industriale, come negli Stati Uniti, resta a livelli molto alti e ha continuato a migliorare il mese scorso, nonostante la forza dell’euro. L’indice PMI manifatturiero è aumentato a 58,1 (da un precedente 57,4), raggiungendo il livello massimo da 6 anni e mezzo. In particolare, l’ottimismo in Germania rimane elevato (con un indice PMI manifatturiero superiore a 60), ma anche l’indice francese sta migliorando, raggiungendo il livello massimo di quasi sette anni (56,1). Fortunatamente, anche i livelli nei paesi periferici sono su un terreno di forte espansione, sebbene la lettura italiana è diminuita moderatamente a 56,3 lo scorso mese. Nonostante questo potenziale di miglioramento, l’inflazione nell’Eurozona resta bassa, con un’inflazione core che scende all’1,1% a/a. Più in dettaglio, a rallentare è l’inflazione dei servizi, mentre l’inflazione core dei beni è rimasta invariata. Data la forza della valuta di quest’anno, ci aspettiamo che anche quest’ultima rallenti, suggerendo che le pressioni inflazionistiche complessive resteranno controllate.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation: un’Europa ancora a sconto

Asset allocation, banche europee: trimestre super ma il meglio deve ancora venire

Asset allocation: i punti fermi dell’azionario europeo

NEWSLETTER
Iscriviti
X