Associazione Proteggi Risparmio: le polizze United Linked di Poste non possono essere considerate polizze di assicurazione sulla vita

A
A
A
di Finanza Operativa 12 Ottobre 2017 | 15:55

L’Associazione Proteggi Risparmio, nata pochi mesi fa, con il fine di assistere privati ed aziende nell’ambito bancario e finanziario, ha ottenuto un successo rilevante nella difesa dei risparmiatori con la sentenza del Tribunale della Spezia del 07-06-2017 che ha ritenuto che le polizze United Linked vendute dalle Poste a migliaia di pensionati non possono essere considerate polizze di assicurazione sulla vita, ma prodotti finanziari, per i quali non si applicano le norme del codice civile in materia di prescrizione del diritto dell’assicurato. Da ciò consegue che il consumatore che non sia stato informato circa i termini di riscatto della polizza alla sua scadenza (due anni) ha comunque diritto a vedersi restituire il capitale investito maggiorato di interessi e rivalutazione.
Le implicazioni della sentenza sono notevoli e coinvolgono moltissimi risparmiatori che si sono visti respingere le richieste di riscatto delle polizze a suo tempo sottoscritte perché prescritte, perdendo così tutto il capitale investito.
L’associazione si propone lo scopo di verificare i rapporti intrattenuti con le banche o le società finanziarie allo scopo di rilevare eventuali anomalie derivanti dal mancato rispetto delle leggi in varie materie. Ai nostri associati offriamo una prima consulenza gratuita per valutare la sussistenza di anomalie nei contratti bancari e finanziari (finanziamenti, affidamenti su conti correnti, derivati, mutui in franchi svizzeri ed investimenti
vari), oltre alla cancellazione delle segnalazioni pregiudizievoli presso le centrali rischi allorquando non siano rispettati tutti i presupposti normativi.
Ci avvaliamo della collaborazione di esperti in diverse competenze professionali, che provvedono ad una prima perizia dei rapporti. Offriamo dunque:

  • tutela giudiziaria
  • consulenza tecnica

Nel caso in cui dalla perizia risultino gli estremi per intraprendere un’azione legale, il nostro team di avvocati proporrà un’azione nei confronti degli istituti e/o degli intermediari. L’azione legale per gli associati viene effettuata senza l’esborso di denaro in fase istruttoria e sarà dovuto solo nel caso di un esito positivo della causa.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Usa, quali le conseguenze del protezionismo di Trump?

NEWSLETTER
Iscriviti
X