Report Operativo: monitoraggio posizioni su Tenaris e Campari

A
A
A
di Finanza Operativa 2 Novembre 2017 | 19:30

Tenaris si è mossa in una fase altalenante compresa tra il supporto a quota 11,00 euro e la resistenza a 12,20, movimento che è andato avanti dai primi giorni di agosto fino alle recenti sedute. La situazione di forte ipervenduto sul titolo e la fase di correzione iniziata il 6 ottobre, che ha riportato il prezzo sulla base del range citato, lasciavano pensare ad una possibile ripartenza del titolo verso la parte superiore del canale orizzontale.

Nel Report Operativo n°210 mandato lo scorso 23 ottobre ai nostri clienti si suggeriva di monitorare il titolo Tenaris per posizionare un acquisto in caso di superamento dell’area di resistenza di brevissimo a 11,32 euro, con stop loss sotto 10,98 euro e primo obiettivo 12,20 e poi 12,86 euro. Dopo l’acquisto, scattato martedì 24 ottobre, ci eravamo quasi pentiti di essere entrati in questa posizione dato che il prezzo è subito sceso nuovamente verso l’area degli 11,00 euro nelle due sedute successive toccando minimi a 11,06 e 11,05 euro. Tuttavia l’area di supporto ha tenuto ancora e il prezzo ha ripreso a salire dal 26 ottobre, e in poche sedute si è portato a ridosso della resistenza dinamica discendente di breve periodo passante per 11,70 euro. Successivamente il prezzo ha superato questa resistenza toccando i 12,00 euro e oggi lo ritroviamo con un forte gap up in apertura e prezzo che sale ancora segnando un massimo a quota 12,82 euro, molto vicino al nostro secondo obiettivo. Siamo stati molto fortunati, e ci ritroviamo con un profitto lordo vicino al +13% (al prezzo di 12,80 euro +12,97%). Manteniamo a questo punto con target a 13,15 euro e inseriamo un take profit sotto quota 12,45 euro, in modo tale di salvaguardare un profitto lordo minimo del +9,8%.

Campari ha effettuato un lungo movimento di congestione tra l’area di supporto a 5,90 e quella di resistenza a 6,40 euro, andato avanti per tutto il corso dell’estate 2017 da maggio a ottobre. Il breakout di 6,40 è arrivato con il movimento del 12 ottobre accompagnato da volumi in netta crescita, e il prezzo del titolo ha raggiunto i 6,66 euro per poi andare a realizzare il più classico dei pullback verso l’area di resistenza divenuta supporto.

Nel Report Operativo n°209 mandato ai nostri clienti lo scorso 16 ottobre 2017 si suggeriva di monitorare Campari e di attendere il ritracciamento nell’area 6,40 per acquistare con stop loss sotto 6,29 euro e obiettivi a 6,62 in prima battuta e 6,90 euro in un secondo momento. Entrambi i target sono stati raggiunti con il titolo che ieri ha toccato un nuovo massimo storico a quota 6,95, portando la nostra posizione in profitto lordo del +8,6%. In questo momento, dopo il ritracciamento verso i 6,80 euro, ci troviamo in gain del +6,8% circa al prezzo di 6,835 euro, e manteniamo ancora la posizione con take profit sotto 6,75 euro in modo tale da bloccare un profitto lordo minimo del +5,6%. Seguiamo sempre con la massima attenzione.

Puoi ricevere il Report Operativo di XTraderNet al prezzo per l’abbonamento trimestrale di 245 euro oppure al prezzo di 95 euro per un mese. Per ulteriori informazioni visita la pagina dedicata o mandaci una mail qui (report@finanzaoperativa.com).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Campari allunga il passo a Piazza Affari dopo i conti. I prossimi target

Usa, le nuove tariffe sulle importazioni di cognac impattano su Campari e Lvmh

Ftse Mib, la discesa non è certo finita. Le big cap sotto i riflettori

NEWSLETTER
Iscriviti
X