Crescita resta la parola d’ordine in Eurozona, Usa e Cina

A
A
A
di Finanza Operativa 4 Dicembre 2017 | 14:00

A cura di Marco Vailati, Responsabile Ricerca e Investimenti di Cassa Lombarda

Eurozona: crescita senza limiti dell’attività manifatturiera e della fiducia di tutti gli operatori. Inflazione ancora deludente Nonostante la decelerazione inattesa del tasso di crescita tendenziale di M3, continua il supporto monetario alla crescita con valori superiori ai target di lungo periodo della Bce, al solo fine di stimolare il rialzo dei prezzi. L’economia migliora ancora, nonostante stia già crescendo oltre il potenziale: registrati nuovi record degli indici di fiducia, la disoccupazione è ai minimi dal 1/09 e l’attività manifatturiera è ai massimi dal 4/00 (con contributi positivi da tutti i paesi) e al secondo maggior livello dall’inizio della serie nel 1997. Tuttavia, resta deludente la dinamica dei prezzi. Nonostante la forza del ciclo, le dinamiche sottostanti si mostrano insufficienti a determinare un autonomo e sostenibile ritorno dell’inflazione all’obiettivo della Bce “vicino ma inferiore al 2%”.

Usa: Pil 3° trimestre ancora più brillante dopo la revisione e i dati successivi ulteriormente in miglioramento Il Pil del 3° trimestre è stato rivisto al rialzo, registrando il miglior periodo dal 3° trimestre del‘14. L’aspetto più positivo è il maggior contributo degli investimenti che testimoniano l’ottimismo delle imprese sull’evoluzione attesa, compensano la moderazione del consumo e allargano la base di sostegno alla crescita. I dati successivi evidenziano che la crescita prosegue su un sentiero solido: l’immobiliare registra la maggior crescita mensile delle vendite dal’92 con prezzi ancora in salita, come anche i compromessi e la spesa in edilizia, che ritorna positiva t/t annualizzato. Gli indici di attività consolidano sui massimi (Dallas, Chicago, Pmi e Ism Man.) o ne registrano di nuovi (Richmond: top dal’93), le scorte calano a preludio di futura attività, la fiducia dei consumatori è al massimo dal 12/00 e il benessere consolida sui massimi. L’occupazione resta ai massimi e il reddito e la spesa personale crescono ancora, seppure in decelerazione.

Cina: la crescita prosegue con solo una modesta decelerazione Grazie a una maggiore crescita dei prezzi alla produzione, ai costi minori e una spesa al consumo sostenuta, i profitti industriali hanno consolidato conservando valori elevati nonostante la riduzione del tasso di crescita degli investimenti e della produzione. Questo è anche conseguenza della riduzione in corso della sovra-capacità produttiva che, proprio grazie al mantenimento della redditività, potrà proseguire nel bilanciamento tra spinta alle riforme e sostegno alla crescita. La limatura nella crescita degli utili è coerente con i dati di attività successivi allo sforzo eccezionale di sostegno all’economia, intrapreso per giungere in buone condizioni al congresso del PCC. In moderata espansione i PMI ufficiali mentre quelli Caixin, relativi alle imprese private più piccole e più orientate all’export, hanno segnato una modesta decelerazione.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti