Italia, la stima del debito pubblico sale a 2.290 miliardi

A
A
A
Finanza Operativa di Finanza Operativa 11 Dicembre 2017 | 18:30

A cura di Mazziero Research

Le stime Mazziero Research segnalano un debito italiano in aumento nel mese di ottobre a 2.290 miliardi, diminuirà il mese successivo a 2.271 miliardi. Il debito a fine anno viene ora previsto in una forchetta tra 2.247 e 2.253 miliardi. Da inizio 2018 tornerà a crescere raggiungendo una cifra compresa tra 2.299 e 2.335 miliardi a giugno.

I dati ufficiali
Debito pubblico: 2.284 miliardi (in lieve aumento)
Relativo a: settembre 2017
Pubblicato il: 15 novembre 2017
Le stime Mazziero Research
La stima a ottobre 2017
2.290 miliardi (in aumento)
Intervallo confidenza al 95%:
compreso tra 2.286 e 2.294 miliardi
Dato ufficiale verrà pubblicato il: 15 dicembre 2017
La stima a novembre 2017
2.271 miliardi (in diminuzione)
Intervallo confidenza al 95%
compreso tra 2.267 e 2.275 miliardi
Dato ufficiale verrà pubblicato il: 15 gennaio 2018
La stima a fine 2017
Compreso tra 2.247 e 2.253 miliardi (in diminuzione)
Intervallo confidenza al 95%
Dato ufficiale verrà pubblicato il: 15 febbraio 2018
La stima a giugno 2018
Compreso tra 2.299 e 2.335 miliardi (in aumento)
Intervallo confidenza al 95%
Dato ufficiale verrà pubblicato a metà agosto 2018
Spesa per interessi a ottobre 2017:
57,4 miliardi di euro.
Stima Mazziero Research per fine 2017:
69,2 miliardi di euro.
Dato finale annuale dopo le rettifiche: circa 67,2 miliardi.

Analisi, stime e un’ampia rassegna dei dati economici italiani sono pubblicati nel XXVIII Osservatorio trimestrale dei dati economici italianipubblicato il 29 novembre. Il XXIX Osservatorio verrà pubblicato il 20 febbraio prossimo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Italia, debito stabile a 2.646 mld. Le stime per i prossimi mesi

Debito pubblico italiano: a giugno potrebbe superare la soglia dei 2.700 mld

Debito pubblico italiano: a giugno potrebbe superare i 2700 miliardi

NEWSLETTER
Iscriviti
X