Verso la fase finale della rivoluzione industriale odierna

A
A
A
di Finanza Operativa 13 Dicembre 2017 | 17:30

A cura di Carole Millet, Senior Investment Advisor, e Manuel Terreault, Senior Investment Advisor SYZ Wealth Management
In qualità di investitori professionali, è nostra responsabilità prenderci cura delle generazioni future. Questo significa proteggere i loro futuri attivi, far crescere il loro capitale e fare del nostro meglio per lasciar loro un mondo migliore e più sicuro. Tutto ciò può essere raggiunto non solo investendo in società con elevati punteggi ambientali, sociali e di governance (ESG), ma anche in quelle che mettono gli SDG al centro della loro strategia. Per noi è chiaro che questo è il modello da seguire.
L’interesse per l’investimento sostenibile sta crescendo notevolmente. I nostri clienti riconoscono l’importanza di investire in società con un’elevata qualità di governance, che si interessino al personale e che adattino le strategie ai nuovi obblighi e normative. La sostenibilità non è un fenomeno passeggero, bensì una realtà da tenere in considerazione nella costruzione della nostra asset allocation.
Comprendere l’impatto del cambiamento climatico e i principi degli investimenti sostenibili sarà fondamentale per generare la performance nei prossimi anni. Anche se esistono ancora dei dibattiti sull’aspetto scientifico del cambiamento climatico, la frequenza delle catastrofi naturali nel mondo continua ad aumentare e ad avere importanti ripercussioni sulle diverse economie.
Il mondo sta vivendo profondi cambiamenti poiché ci stiamo dirigendo verso la fase finale della rivoluzione industriale odierna. I problemi causati dalle nuove tecnologie quali le energie rinnovabili, le batterie e i dispositivi intelligenti non lasceranno spazio alle società di limitate vedute che non riconoscono tali cambiamenti. Non adeguarsi alle nuove normative potrebbe tradursi in un impatto immediato sugli utili e la redditività degli azionisti. La qualità e la sostenibilità degli investimenti sarà uno dei principali motori di creazione della sovraperformance.
Il nostro recente partenariato di successo con la Banca mondiale (Banca internazionale per la ricostruzione e lo sviluppo o “BIRS”, rating AAA/aaa) per promuovere soluzioni d’investimento attraverso obbligazioni equity linked con criteri SDG illustra bene il crescente interesse della comunità bancaria per gli investimenti sostenibili e responsabili. I nostri clienti desiderano giocare un ruolo attivo nella definizione del futuro attraverso investimenti responsabili.
Il 25 settembre 2015 la comunità mondiale, rappresentata da tutti i 193 Stati membri delle Nazioni Unite (ONU), ha stabilito una serie di obiettivi per contrastare la povertà, salvaguardare il pianeta e assicurare la prosperità di ognuno nell’ambito di una nuova agenda per lo sviluppo sostenibile. I 17 Obiettivi per lo sviluppo sostenibile (SDG) inglobano i problemi di natura ambientale, sociale ed economica unanimemente riconosciuti a livello mondiale come i più urgenti. Tutti i paesi sono interessati e saranno coinvolti in un modo o nell’altro. Secondo i Principi per l’investimento responsabile (PRI), la Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo (UNCTAD) ha calcolato che saranno necessari USD 5-7 mila miliardi all’anno fino al 2030 per raggiungere gli SDG.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

High yeld, iniziata la stagione di caccia (ai rendimenti)

Possiamo contare sui green bond

Outlook 2020, Syz AM: un ciclo economico compresso

NEWSLETTER
Iscriviti
X