Svizzera, la Bns stima una crescita del Pil del 2% nel 2018

A
A
A
Finanza Operativa di Finanza Operativa 15 Dicembre 2017 | 14:00

L’economia elvetica crescerà quest’anno dell’1% e nel 2018 del 2%, secondo le stime pubblicate giovedì della Banca Nazionale Svizzera (Bns), che ha poi deciso di lasciare invariata la sua politica monetaria, malgrado la decisione della Fed statunitense di aumentare i tassi di interesse Usa. Il margine di fluttuazione del Libor a tre mesi elvetico rimane compreso fra -1,25 e -0,25% e vengono confermati anche gli interessi negativi dello 0,75% sui conti giro. L’istituto centrale afferma di essere ancora pronto a intervenire a sostegno del franco, che “ha ancora una valutazione elevata” nonostante l’evoluzione favorevole degli ultimi mesi.

La BNS ha inoltre tracciato un bilancio finora positivo dell’introduzione delle nuove banconote: sono ormai in circolazione 10, 20 e 50 franchi, la metà della nona serie. Nel 2018 è attesa quella da 200 franchi. Anche il KOF del Politecnico di Zurigo ha rivisto le proprie previsioni per il PIL e sono più ottimistiche di quelle della BNS: si calcola un +2,3 per cento.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banche, trimestre di pieno recupero per la Bns

La Banca Nazionale Svizzera, utile in calo ma il titolo sale a Zurigo

Svizzera, secondo la Bns il Pil calerà “solo” del 3%

NEWSLETTER
Iscriviti
X