Svizzera, cresce la green economy arrivata a pesare il 3,2% del Pil

A
A
A
di Finanza Operativa 19 Dicembre 2017 | 13:30

Il valore aggiunto del mercato dell’ambiente, la cosiddetta green economy, è cresciuto del 30% tra il 2008 e il 2016, passando da 16,3 a 21,3 miliardi di franchi, e corrisponde ormai al 3,2% del prodotto interno lordo (Pil) svizzero, secondo i dati diffusi dall’Ufficio federale di statistica.

Il settore raggruppa le attività di protezione dall’inquinamento e quelle per la gestione responsabile delle risorse naturali. A trainarlo sono in particolare la produzione di energie rinnovabili e il risanamento energetico degli edifici, ma anche lo smaltimento dei rifiuti (voce in calo) e la tutela della biodiversità e del paesaggio.

E se solo una decina di anni fa assicurava un lavoro a 110.700 persone, come riportato sul sito della Rsi, nel 2016 si è saliti a 150.200, il 3,8% degli occupati nella Confederazione. Se si considerano anche trasporti pubblici e produzione agricola integrata, che solo in Svizzera vengono raggruppati nella categoria dell’economia verde, il valore aggiunto sale a 30,8 miliardi, la parte di Pil al 4,7% e il numero degli addetti a 211.200, il 5,3% del totale.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Energia, Robeco: è il momento di puntare sul green

Biden o non Biden, la rivoluzione verde è già partita, spinta da governi e aziende

Usa, la “Biden way” rafforza le prospettive per green economy e Pmi

NEWSLETTER
Iscriviti
X