Poste Italiane prossimo al test della resistenza statica di medio periodo

A
A
A
di Finanza Operativa 15 Gennaio 2018 | 16:00

Poste Italiane si sta rapidamente avvicinando con volumi giornalieri in progressivo aumento al test della resistenza statica di medio-lungo termine posta a 6,535 euro. Un ostacolo oltre il quale il titolo avrebbe poi la strada spianata per tornare in prima battuta a ridosso di 6,75 euro (prezzo dell’Ipo del gennaio 2016) e in seguito contiunuare nell’uptrend fino alla soglia dei 7 euro (massimo toccato a giugno di due anni fa).

Tuttavia, prima di poter assistere a questo ulteriore allungo i corsi dovrebbero prima effettuare un movimento laterale di consolidamento che consenta agli indicatori e oscillatori tecnici di allontananrsi dalla zona di ipercomprato. Indispensabile poi posizionare uno stop loss a 6,45, supporto statico di breve periodo al di di sotto del quale si profilerebbe l’inizio di un ritracciamento.

Da ricordare poi che, all’attuale livello di quotazione il titolo continua a vantare un redimento del dividendo del 6%, tra i più alti del Ftse Mib.

Clicca sul grafico per ingrandirlo

Poste italiane

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati: pressioni rialziste sul Ftse Mib

Borse internazionali: il punto tecnico di Aldrovandi al 27/05/22

Mercati: Fib, Dax ed Euro Stoxx 50 future al test delle resistenze

NEWSLETTER
Iscriviti
X